Road America – 14° gara stagione 2000

Quattordicesima gara della stagione 2000 – Motorola 220– 20/8/2000

Circuito: Road America

Tipologia: Stradale Permanente

Lunghezza: 4.048 mi – 6.513 km

Configurazione aerodinamica: Stradale

Record della pista: 1.39.998 – 1998, Michael Andretti – Swift Ford

Distanza di gara: 55 giri – 222.6 mi

Vincitore uscente:  Christian Fittipaldi

Griglia di partenza – Road America
Pos. Pilota Tempo Pilota Tempo
1 Dario Franchitti 1.39.866
2 Gil De Ferran 1.40.154
3 Alex Tagliani 1.40.260
4 Michael Andretti 1.40.401
5 Adrian Fernandez 1.40.581
6 Helio Castroneves 1.40.610
7 Paul Tracy 1.40.682
8 Christian Fittipaldi 1.40.902
9 Kenny Brack 1.40.977
10 Mauricio Gugelmin 1.41.044
11 Roberto Moreno 1.41.071
12 Juan Pablo Montoya 1.41.097
13 Cristiano da Matta 1.41.161
14 Oriol Servia 1.41.280
15 Max Papis 1.41.458
16 Jimmy Vasser 1.41.743
17 Tony Kanaan 1.41.816
18 Memo Gidley 1.41.950
19 Patrick Carpentier 1.42.277
20 Mark Blundell 1.42.334
21 Michel Jourdain Jr. 1.42.417
22 Tarso Marques 1.43.106
23 Shinji Nakano 1.43.206
24 Luiz Garcia Jr. 1.43.405
25 Gualter Salles 1.44.436

Alla bandiera verde Tagliani dalla seconda fila sorprende De Ferran e in curva 1 ha la meglio su Franchitti, prendendo la testa della corsa. Poco dopo Castroneves valuta male la frenata della curva 2, finendo fuori pista per evitare un contatto con Andretti. Il primo giro disastroso della Penske si completa qualche curva più tardi, quando è De Ferran ad avere problemi, fermandosi subito ai box con il cambio. Nel corso del primo giro intanto Montoya risale alla grande e tra Canada Corner e curva 1 fa fuori l’intero team Newman Haas, piazzandosi in quarta piazza alle spalle di Tagliani, Franchitti e Fernandez. Un problema elettrico invece ammutolisce per qualche istante la vettura di Tracy, che è costretto a rimontare dal fondo del gruppo.

Mentre Tagliani conduce con margine su Franchitti, Montoya è minaccioso alle spalle di Fernandez e lo stesso si può dire per Fittipaldi, che rischia quasi il contatto con Andretti. Al sesto passaggio il brasiliano ha la meglio sul compagno, che cerca di risparmiare metanolo, mentre Marques si infila nelle gomme della Canada Corner ed è costretto al ritiro. Tracy intanto continua la sua rimonta, superando Papis per il 15° posto. Fittipaldi nel frattempo è ormai a ridosso di Montoya, con Da Matta che al 15° giro abbandona una lunga lotta con Brack e Moreno per la 7° piazza, fermandosi lentamente ai box con problemi al cambio. Il brasiliano apre il primo turno di pit stop, che vede Montoya sopravanzare Fernandez e Franchitti e prendere poi la testa della corsa superando Tagliani il giro successivo, col canadese ancora alle prese con le gomme fredde. Dopo le soste il colombiano conduce quindi su Tagliani, Franchitti, Fittipaldi, Fernandez e Moreno, mentre Andretti si ritira con una sospensione KO.

Nei giri successivi Fittipaldi continua ad attaccare, avendo ragione di Franchitti, che poi arriva lungo alla Station 5 precipitando all’11° posto e permettendo a Tracy di salire fino all’8° piazza, complice anche una sosta di Servia per rimpiazzare l’ala anteriore rotta in un’uscita sulla sabbia. I ritiri di Gugelmin e Jourdain precedono al 27° giro la sosta di Vasser, in quel momento 7°, e del leader Montoya il giro successivo. Prima che anche il resto del gruppo imbocchi la corsia box Tracy passa Brack per il quinto posto, mentre prima Da Matta e poi Montoya sono costretti al ritiro col cambio rotto. Tra il 31° e il 35° passaggio tutti effettuano la seconda sosta, con Tracy che supera Fernandez in curva 1 mentre Fittipaldi si ritira per problemi a uno scarico. Tagliani conduce quindi su Tracy, Fernandez, Brack, Vasser e Moreno, che però è privo della terza marcia, mentre Franchitti è a sua volta bloccato dal cambio.

Lo stesso problema qualche giro più tardi nega la vittoria a Tagliani, consegnando la testa della corsa a Tracy, con Vasser che passa Brack per il terzo posto. Il canadese completa l’ultimo turno di soste al 46° giro e quando, a 4 giri dal termine, anche Moreno visita la pit lane, il canadese riprende il comando della corsa, andando a vincere al termine di una grandiosa rimonta, precedendo i superstiti: Fernandez, Brack, Moreno, Vasser, Gidley e Papis, con Kanaan, Castroneves e Servia staccati di un giro.

Ordine d’arrivo
Pos. Pilota Squadra N Vettura Tempo
1 Paul Tracy Green 26 R/H 55 giri in 1:37:53.681 – 136.457 mph
2 Adrian Fernandez Patrick 40 R/F 7.450
3 Kenny Brack Rahal 8 R/F 8.836
4 Roberto Moreno Patrick 20 R/F 23.579
5 Jimmy Vasser Ganassi 12 L/T 33.949
6 Memo Gidley Della Penna 10 R/T 34.564
7 Max Papis Rahal 7 R/F 40.138
8 Tony Kanaan Nunn 55 R/M 1 giro
9 Helio Castroneves Penske 3 R/H 1 giro
10 Oriol Servià PPI Wells 97 R/T 1 giro
11 Mark Blundell PacWest 18 R/M cambio
12 Dario Franchitti (P) Green 27 R/H cambio
13 Cristiano da Matta PPI Wells 96 R/T cambio
14 Alex Tagliani (L) Forsythe 32 R/F cambio
15 Christian Fittipaldi Newman Haas 11 L/F scarico
16 Juan Pablo Montoya Ganassi 1 L/T cambio
17 Mauricio Gugelmin PacWest 17 R/M motore
18 Michel Jourdain Jr. Bettenhausen 16 L/M pressione carburante
19 Michael Andretti Newman Haas 6 L/F giunto CV
20 Gualter Salles Coyne 19 L/F motore
21 Patrick Carpentier Forsythe 33 R/F incidente
22 Shinji Nakano Walker 5 R/H cambio
23 Tarso Marques Coyne 34 S/F incidente
24 Luiz Garcia Jr. Arciero 25 R/M cambio
25 Gil de Ferran Penske 2 R/H cambio
Telaio/Motore

L= Lola B2K/00; R= Reynard 2KI; S= Swift 010.c

F= Ford; H= Honda; M= Mercedes; T= Toyota

(P) punto per la pole position, (L) punto per il maggior numero di giri condotti in testa

 

Classifica dopo Road America
Pos. Pilota Punti
1   Michael Andretti 125
2   Roberto Moreno 112
3   Gil de Ferran 106
4   Adrian Fernandez 103
5   Kenny Brack 102
6   Paul Tracy 100
7   Cristiano da Matta 82
8   Helio Castroneves 81
9   Jimmy Vasser 78
10   Juan Pablo Montoya 77
11   Max Papis 74
12   Patrick Carpentier 71
13   Dario Franchitti 60
14   Christian Fittipaldi 52
15   Alex Tagliani 45
16   Oriol Servia 44
17   Mauricio Gugelmin 30
18   Memo Gidley 20
19   Mark Blundell 16
20   Tony Kanaan 16

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *