Vancouver – 15° gara stagione 2000

Quindicesima gara della stagione 2000 – Molson Indy Vancouver – 3/9/2000

Circuito: Streets of Vancouver

Tipologia: Cittadino

Lunghezza: 1.781 mi – 2.866 km

Configurazione aerodinamica: Stradale

Record della pista: 1.00.641 – 1999, Juan Pablo Montoya – Reynard Honda

Distanza di gara: 90 giri – 160.3 mi

Vincitore uscente:  Juan Pablo Montoya

Dario Franchitti centra la prima pole position stagionale conquistando il Greg Moore Trophy. Alex Barron prende il posto di Gualter Salles sulla Lola del team Coyne per il resto della stagione.

Griglia di partenza – Vancouver
Pos. Pilota Tempo Pilota Tempo
1 Dario Franchitti 1.00.405
2 Paul Tracy 1.00.493
3 Gil de Ferran 1.00.791
4 Helio Castroneves 1.01.207
5 Juan Montoya 1.01.256
6 Christian Fittipaldi 1.01.399
7 Cristiano da Matta 1.01.511
8 Michael Andretti 1.01.520
9 Max Papis 1.01.605
10 Roberto Moreno 1.01.628
11 Jimmy Vasser 1.01.684
12 Oriol Servia 1.01.769
13 Mauricio Gugelmin 1.01.786
14 Tony Kanaan 1.01.938
15 Adrian Fernandez 1.01.960
16 Kenny Brack 1.01.986
17 Michel Jourdain Jr. 1.02.064
18 Patrick Carpentier 1.02.431
19 Alex Tagliani 1.02.730
20 Mark Blundell 1.02.775
21 Memo Gidley 1.03.299
22 Shinji Nakano 1.03.578
23 Tarso Marques 1.03.784
24 Alex Barron 1.03.959
25 Luiz Garcia Jr. 1.04.070

Dopo un primo tentativo di partenza annullato, alla bandiera verde le posizioni nella parte alta del gruppo restano invariate, fatta eccezione per il sorpasso di Da Matta su Fittipaldi per il sesto posto. La prima bandiera gialla non tarda ad arrivare, quando Tagliani e Carpentier affrontano affiancati la curva 10, col secondo che si infila nelle gomme e viene centrato da Blundell. La corsa riprende all’11° giro, con Franchitti a condurre il gruppo e Montoya che a gomme fredde tenta senza successo di sorprendere Castroneves per il quarto posto. Più indietro Servia ha la meglio su Moreno per l’11° piazza, ma un leggero contatto col muro dell’ultima curva crea un ingorgo in curva 1, che porta Jourdain a tamponare Kanaan e ritirarsi. Un gran peccato per il messicano, tra i più veloci fino a quel momento.

La corsa riprende al 15° giro ma la safety car esce nuovamente poco più tardi per recuperare la vettura di Tagliani, ferma nelle gomme. Poco prima un contatto tra il canadese e Marques aveva portato il brasiliano a travolgere Gugelmin. La bandiera verde arriva al 20° giro con le vetture del team Green che seminano De Ferran, mentre Castroneves deve difendersi dalla pressione asfissiante di Montoya. Alle loro spalle Da Matta precede Fittipaldi, Andretti, Papis e Vasser. La prima sosta per Franchitti è preceduta da un brivido, quando un’incomprensione con Barron conduce a un contatto senza conseguenze.

Lo scozzese mantiene la testa anche dopo i pit stop mentre a perdere sono le Penske: De Ferran in uscita dai box oltrepassa la linea gialla con tutte e quattro le ruote, cosa che gli costa un drive through; Castroneves invece esce rovinosamente di pista a causa del cedimento della sospensione anteriore destra. Alla ripartenza Franchitti precede Tracy, Fernandez (su una strategia diversa), Montoya e Da Matta. Il colombiano pressa a lungo il pilota del team Patrick fino all’ennesima neutralizzazione per una brutta uscita di Nakano, che permette a tutti di effettuare la seconda sosta. Tutti tranne Montoya, che rimane in pista a causa di un’incomprensione con il muretto. Un’esitazione nel lasciare la piazzola costa cara a Franchitti, che viene sopravanzato da Tracy, mentre continua la giornata nera di Tagliani, che con la vettura danneggiata prima si gira e poi si pianta ancora contro le gomme.

Alla ripartenza Tracy e Franchitti conducono su Montoya, rallentato dai doppiaggi, mentre più indietro un duello tra Andretti e De Ferran finisce con l’americano che perde posizioni arrivando lungo alla curva 6. La corsa viene poi nuovamente interrotta per recuperare la vettura del colombiano, muta poco lontano dall’ingresso della corsia box. La bandiera verde sventola nuovamente al 72° giro con Tracy a condurre su Franchitti, Da Matta, Fernandez, Fittipaldi, De Ferran, Brack, Vasser, l’ottimo Gidley e Andretti. La confusione del gruppo vede presto Brack e Vasser entrare in contatto, con lo svedese che perde posizioni, mentre problemi alla trasmissione mettono fine alla corsa di Gidley.

La classifica cambia a 4 giri dal termine quando Da Matta cede a Fernandez la terza piazza per effettuare un rabbocco di emergenza, con Tracy che coglie la terza vittoria stagionale davanti a Franchitti e al messicano, impegnato fino all’ultima curva da Fittipaldi e De Ferran. Vasser sesto precede quindi Da Matta, Papis, Brack, Moreno, Servia e Andretti, in difficoltà all’ultimo giro.

Ordine d’arrivo
Pos. Pilota Squadra N Vettura Tempo
1 Paul Tracy Green 26 R/H 90 giri in 1:53:06.024 – 85.034 mph
2 Dario Franchitti (P) (L) Green 27 R/H 0.931
3 Adrian Fernandez Patrick 40 R/F 1.338
4 Christian Fittipaldi Newman Haas 11 L/F 1.581
5 Gil de Ferran Penske 2 R/H 2.356
6 Jimmy Vasser Ganassi 12 L/T 3.687
7 Cristiano da Matta PPI Wells 96 R/T 5.079
8 Max Papis Rahal 7 R/F 6.504
9 Kenny Brack Rahal 8 R/F 1 giro
10 Roberto Moreno Patrick 20 R/F 1 giro
11 Oriol Servia PPI Wells 97 R/T 1 giro
12 Michael Andretti Newman Haas 6 L/F 2 giri
13 Alex Barron Coyne 19 L/F 3 giri
14 Tony Kanaan Nunn 55 R/M 5 giri
15 Luiz Garcia Jr. Arciero 25 R/M 6 giri
16 Memo Gidley Della Penna 10 R/T cambio
17 Juan Pablo Montoya Ganassi 1 L/T pescaggio
18 Alex Tagliani Forsythe 32 R/F sospensione
19 Shinji Nakano Walker 5 R/H incidente
20 Helio Castroneves Penske 3 R/H incidente
21 Mauricio Gugelmin PacWest 17 R/M incidente
22 Tarso Marques Coyne 34 S/F incidente
23 Michel Jourdain Jr. Bettenhausen 16 L/M incidente
24 Patrick Carpentier Forsythe 33 R/F incidente
25 Mark Blundell PacWest 18 R/M incidente
Telaio/Motore

L= Lola B2K/00; R= Reynard 2KI; S= Swift 010.c

F= Ford; H= Honda; M= Mercedes; T= Toyota

(P) punto per la pole position, (L) punto per il maggior numero di giri condotti in testa

Classifica dopo Vancouver
Pos. Pilota Punti
1   Michael Andretti 126
2   Paul Tracy 120
3   Adrian Fernandez 117
4   Gil de Ferran 116
5   Roberto Moreno 115
6   Kenny Brack 106
7   Cristiano da Matta 88
8   Jimmy Vasser 86
9   Helio Castroneves 81
10   Max Papis 79
11   Dario Franchitti 78
12   Juan Pablo Montoya 77
13   Patrick Carpentier 71
14   Christian Fittipaldi 64
15   Oriol Servia 46
16   Alex Tagliani 45
17   Mauricio Gugelmin 30
18   Memo Gidley 20
19   Mark Blundell 16
20   Tony Kanaan 16

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *