Long Beach – 2° gara stagione 2001

Seconda gara della stagione 2001 – Toyota Grand Prix of Long Beach – 8 aprile 2001

Circuito: Streets of Long Beach

Tipologia: Cittadino

Lunghezza: 1.968 mi – 3.167 km

Configurazione aerodinamica: Stradale

Record della pista: 1.07.494 – Gil De Ferran, 2000

Distanza di gara: 82 giri – 161.4 mi

Vincitore uscente:  Paul Tracy

 

Griglia di partenza – Long Beach
P Pilota Tempo Pilota Tempo
1 Helio Castroneves 1.08.556
2 Kenny Brack 1.09.097
3 Tony Kanaan 1.09.223
4 Cristiano Da Matta 1.09.312
5 Gil De Ferran 1.09.344
6 Dario Franchitti 1.09.366
7 Michel Jourdain Jr. 1.09.589
8 Jimmy Vasser 1.09.807
9 Michael Andretti 1.09.853
10 Christian Fittipaldi 1.09.999
11 Alex Tagliani 1.10.013
12 Paul Tracy 1.10.073
13 Max Papis 1.10.093
14 Nicolas Minassian 1.10.099
15 Bryan Herta 1.10.146
16 Tora Takagi 1.10.202
17 Patrick Carpentier 1.10.272
18 Scott Dixon 1.10.303
19 Mauricio Gugelmin 1.10.670
20 Alex Zanardi 1.10.675
21 Max Wilson 1.10.683
22 Roberto Moreno 1.10.769
23 Shinji Nakano 1.11.871
24 Oriol Servia 1.11.919
25 Michael Krumm 1.11.974
26 Adrian Fernandez 1.12.403
27 Luiz Garcia Jr. 1.16.483
28 Bruno Junqueira

Alla partenza Castroneves comanda il gruppo davanti a Brack, Da Matta che supera Kanaan e alle spalle di De Ferran Jourdain ha la meglio su Franchitti. La prima bandiera gialla arriva al 10° giro, quando Garcia finisce nelle gomme. Poco prima problemi al motore costano il ritiro ad Andretti, mentre Tagliani perde un giro per una foratura successiva a un contatto con Tracy. Alla ripartenza De Ferran ha la meglio su Kanaan per il quarto posto. Iniziano intanto i problemi elettrici di Fittpaldi, che abbandona il suo posto in top ten transitando più volte in pit lane.

Poco più tardi, un contatto con le gomme costa l’ala posteriore a Max Wilson, ma la bandiera gialla esce per Takagi, che rimane fermo in mezzo alla pista dopo un contatto con Gugelmin. I primi approfittano della neutralizzazione per effettuare il primo pit stop, che permette a Vasser di installarsi al terzo posto grazie anche al ritiro di Brack, fermo per problemi alla frizione. Jourdain perde invece posizioni finendo in 11° posizione.

Dopo la ripartenza mentre Da Matta mette pressione a Castroneves, portandosi dietro Vasser, Tracy supera di forza Franchitti, salendo al sesto posto dietro Kanaan. Poco più tardi un contatto tra Carpentier e Papis, a lungo in lotta ai margini della top ten, costa al canadese una frattura al polso, mentre l’italiano se la cava lasciando per strada l’ala posteriore. La bandiera gialla esce però a causa di Scott Dixon, che finisce contro le gomme della curva 8, permettendo ai primi di effettuare l’ultima sosta, di cui De Ferran approfitta per installarsi al terzo posto. La neutralizzazione viene quindi allungata quando Moreno, alle prese con la strumentazione nell’abitacolo, tampona Gugelmin, costringendolo al ritiro.

Alla bandiera verde Tracy ha ragione di Vasser per il quarto posto mentre davanti Castroneves difende la posizione con qualche cambio di traiettoria di troppo, beccandosi la reprimenda della direzione gara.  Il brasiliano riesce a costruirsi un piccolo margine di sicurezza su Da Matta, ma la corsa viene interrotta per l’ultima volta da un testacoda di Takagi alla prima curva. Quando la bandiera verde sventola a 4 giri dal termine, Da Matta azzecca un’ottima ripartenza affiancando Castroneves in frenata e costringendolo a spremere tutto il possibile dalla sua Reynard-Penske, che esce visibilmente in sovrasterzo da tutte le curve lente.

Il paulista controlla però bene la situazione fino al traguardo, precedendo Da Matta e il compagno De Ferran in un podio tutto verdeoro. Tracy chiude quarto una prova consistente davanti a Vasser, Franchitti e Kanaan. Minassian migliora l’undicesimo posto del Messico chiudendo ottavo davanti al compagno Junqueira, risalito dall’ultimo posto. Herta, Moreno e Nakano chiudono la zona punti davanti a Jourdain, attardato da una penalità per eccesso di velocità in pit lane.

Ordine d’arrivo
P Pilota Squadra N Vettura Tempo
1 Helio Castroneves Penske 3 R/H 82 giri in 1:52:17.779
2 Cristiano da Matta Newman Haas 6 L/T 0.534
3 Gil de Ferran Penske 1 R/H 1.787
4 Paul Tracy Green 26 R/H 2.435
5 Jimmy Vasser Patrick 40 R/T 3.342
6 Dario Franchitti Green 27 R/H 4.855
7 Tony Kanaan Nunn 55 R/H 5.915
8 Nicolas Minassian Ganassi 12 L/T 6.749
9 Bruno Junqueira Ganassi 4 L/T 7.565
10 Bryan Herta Zakspeed/Forsythe 77 R/F 11.169
11 Roberto Moreno Patrick 20 R/T 11.588
12 Shinji Nakano Fernandez 52 R/H 12.364
13 Michel Jourdain, Jr. Herdez 16 L/F 13.458
14 Oriol Servià Sigma 22 L/F 18.602
15 Michael Krumm Coyne 19 L/F 20.583
16 Adrián Fernández Fernandez 51 R/H 1 giro
17 Max Papis Rahal 7 L/F 1 giro
18 Alex Tagliani Forsythe 32 R/F 1 giro
19 Scott Dixon PacWest 18 R/T 1 giro
20 Tora Takagi Walker 5 R/T incidente
21 Max Wilson Blair 25 L/P incidente
22 Mauricio Gugelmin PacWest 17 R/T incidente
23 Patrick Carpentier Forsythe 33 R/F incidente
24 Christian Fittipaldi Newman Haas 11 L/T guasto
25 Kenny Bräck Rahal 8 L/F perdita olio
26 Alex Zanardi  Nunn 66 R/H surriscaldamento
27 Luiz Garcia, Jr. Coyne 21 L/F guidabilità
28 Michael Andretti Green 39 R/H motore

 

Classifica dopo Long Beach
1   Cristiano da Matta 37
2   Gil de Ferran 30
3   Helio Castroneves 27
4   Paul Tracy 26
5   Jimmy Vasser 18
6   Tony Kanaan 12
7   Dario Franchitti 12
8   Michael Andretti 12
9   Kenny Brack 11
10   Nicolas Minassian 7
11   Bruno Junqueira 4
12   Bryan Herta 3
13   Roberto Moreno 2
14   Max Papis 1
15   Shinji Nakano 1
16   Tora Takagi 1

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *