Archivi tag: 2017

2017 – Detroit 2

Chevrolet Detroit Grand Prix Race 2 – 2-4 giugno 2017 – Ottava corsa della stagione 2017

Circuito: Streets of Belle Isle Park – Detroit

Tipologia: Cittadino

Lunghezza: 2.5 mi – 3.781 km

Configurazione aerodinamica: Stradale

Record della pista: 1:13.9681, Graham Rahal, Dallara–Honda, 2017

1.13.056, Juan Pablo Montoya, Lola-Toyota, 2000

Distanza di gara: 70 giri – 164,5 mi

Vincitore uscente:  Will Power

 

Griglia di Partenza – Detroit 2
Pos. Pilota Tempo Pilota Tempo
1 Takuma Sato 01:13.6732
2 Ryan Hunter-Reay 01:15.2833
3 Graham Rahal 01:13.8105
4 Helio Castroneves 01:15.5279
5 James Hinchcliffe 01:13.8264
6 Mikhail Aleshin 01:16.0371
7 Will Power 01:13.9449
8 Scott Dixon 01:16.1727
9 Marco Andretti 01:14.0339
10 Conor Daly 01:16.1732
11 Simon Pagenaud 01:14.0765
12 Charlie Kimball 01:16.1800
13 Josef Newgarden 01:14.1814
14 Alexander Rossi 01:16.2884
15 Tony Kanaan 01:14.3287
16 Max Chilton 01:16.5150
17 Ed Jones 01:14.7786
18 JR Hildebrand 01:18.6272
19 Esteban Gutierrez 01:15.0055
20 Oriol Servia 01:21.4485
21 Spencer Pigot 01:15.8491
22 Carlos Munoz No Time

 

Detroit Grand Prix – Gara 2 – Ordine d’arrivo
Pos. Pilota Squadra Pacchetto  N Sponsor Tempo
1 Graham Rahal Rahal Honda 15 Turns for Troops 70 giri in 1:33:36.3769 – 105,442 mph
2 Josef Newgarden Penske Chevrolet 2 Hum 1.177
3 Will Power Penske Chevrolet 12 Verizon 2.623
4 Takuma Sato Andretti Honda 26 Ruoff 3.854
5 Simon Pagenaud Penske Chevrolet 1 DXC Technology 4.081
6 Scott Dixon Ganassi Honda 9 Camping World 4.601
7 Alexander Rossi Andretti Honda 98 Napa/Castrol 6.198
8 Charlie Kimball Ganassi Honda 83 Tresiba 6.682
9 Helio Castroneves Penske Chevrolet 3 Hitachi 6.844
10 Tony Kanaan Ganassi Honda 10 NTT Data 7.720
11 Carlos Munoz Foyt Chevrolet 14 ABC Supply 8.116
12 Conor Daly Foyt Chevrolet 4 ABC Supply 8.785
13 Marco Andretti Andretti Honda 27 Magneti Marelli 9.610
14 Esteban Gutierrez Coyne Honda 18 Sonny’s 13.133
15 Max Chilton Ganassi Honda 8 Gallagher 1 giro
16 Mikhail Aleshin Schmidt Honda 7 Lucas 1 giro
17 Ryan Hunter-Reay Andretti Honda 28 DHL 1 giro
18 JR Hildebrand Carpenter Chevrolet 21 Fuzzy’s Vodka 1 giro
19 Oriol Servia Rahal Honda 16 Manitowoc 1 giro
20 James Hinchcliffe Schmidt Honda 5 Arrow Electronics Mechanical
21 Spencer Pigot Carpenter Chevrolet 20 Fuzzy’s Vodka Mechanical
22 Ed Jones Coyne Honda 19 Boy Scouts of America Mechanical
Giro più veloce Josef Newgarden 1.04.6385
Giri in testa
Graham Rahal 41
Takumsa Sato 22
Josef Newgarden 7
P: Punto per il miglior giro nella sessione di qualifica

L: Punto per aver condotto almeno un giro in testa

LL: Due punti per aver condotto il maggior numero di giri in testa

 

La classifica dopo gara 2 di Detroit
Pos. Pilota Punti Vittorie Podi Top 5 Top 10 Poles LL L GPV
1 Scott Dixon 303 4 6 7 1 42 4 1
2 Helio Castroneves 295 1 4 8 2 119 5 1
3 Takuma Sato 292 1 1 3 5 41 3 1
4 Simon Pagenaud 278 1 3 6 6 129 2
5 Josef Newgarden 259 1 3 4 5 23 3 3
6 Graham Rahal 251 2 2 2 4 2 96 4 1
7 Alexander Rossi 246 2 4 23 1
8 Will Power 233 1 3 3 3 3 185 4 2
9 Tony Kanaan 223 1 4 22 1
10 James Hinchcliffe 216 1 2 2 4 47 3
11 Ed Jones 215 1 1 4
12 Max Chilton 204 1 2 50 1
13 Ryan Hunter-Reay 183 1 2 2 56 2
14 Marco Andretti 182 2
15 Mikhail Aleshin 177 2 1 1
16 JR Hildebrand 173 1 1 1 2 1
17 Carlos Munoz 168 3
18 Sebastien Bourdais 136 1 2 2 3 69 1
19 Charlie Kimball 132 2 16 2
20 Spencer Pigot 124 3
21 Conor Daly 114
22 Ed Carpenter 105 1 5 1
23 Juan Pablo Montoya 93 1
24 Oriol Servia 61
25 Gabby Chaves 53 1
26 Fernando Alonso 47 27 1
27 Sebastian Saavedra 33
28 Pippa Mann 32
29 Esteban Gutierrez 27
30 Jay Howard 24
31 Zach Veach 23
32 Sage Karam 23
33 James Davison 21
34 Jack Harvey 17
35 Buddy Lazier 14

 

2017 – Detroit 1

Chevrolet Detroit Grand Prix Race 1 – 2-3 giugno 2017 – Settima corsa della stagione 2017

Circuito: Streets of Belle Isle Park – Detroit

Tipologia: Cittadino

Lunghezza: 2.5 mi – 3.781 km

Configurazione aerodinamica: Stradale

Record della pista: 1:14.0379, Simon Pagenaud, Dallara–Chevrolet, 2016

1.13.056, Juan Pablo Montoya, Lola-Toyota, 2000

Distanza di gara: 70 giri – 164,5 mi

Vincitore uscente:  Sebastien Bourdais

 

Detroit 1 – Griglia di partenza
Pos. Pilota Tempo Pilota Tempo
1 Graham Rahal 01:13.9681
2 Helio Castroneves 01:14.0414
3 Takuma Sato 01:14.0428
4 Alexander Rossi 01:14.0875
5 James Hinchcliffe 01:14.1801
6 Scott Dixon 01:14.2855
7 Simon Pagenaud 01:14.3150
8 Max Chilton 01:14.9991
9 Josef Newgarden 01:14.3805
10 Charlie Kimball 01:15.0664
11 Will Power 01:14.6312
12 Ryan Hunter-Reay 01:15.0991
13 Marco Andretti 01:14.6719
14 Carlos Munoz 01:15.2060
15 Tony Kanaan 01:15.2668
16 Conor Daly 01:15.2228
17 Spencer Pigot 01:15.6261
18 JR Hildebrand 01:15.2334
19 Esteban Gutierrez 01:15.6276
20 Mikhail Aleshin 01:15.2430
21 Ed Jones 01:15.8343
22 Oriol Servia 01:15.2758

 

Detroit Grand Prix – Gara 1 – Ordine d’arrivo
Pos. Pilota Squadra Pacchetto  N Sponsor Tempo
1 Graham Rahal (P) (LL) (L) Rahal Honda 15 Turns for Troops 70 giri in 01:35:48.7028 – 103.015 mph
2 Scott Dixon (L) Ganassi Chevrolet 9 Camping World 6.147
3 James Hinchcliffe (L) Schmidt Honda 5 Arrow Electronics 9.167
4 Josef Newgarden Penske Chevrolet 2 Hum 10.093
5 Alexander Rossi Andretti Honda 98 Napa/Castrol 25.556
6 Mikhail Aleshin (L) Schmidt Honda 7 Lucas 31.364
7 Helio Castroneves (P) (L) Penske Chevrolet 3 Hitachi 33.105
8 Takuma Sato Andretti Honda 26 Ruoff 47.470
9 Ed Jones Coyne Honda 19 Boy Scouts of America 53.653
10 Spencer Pigot Carpenter Chevrolet 20 Fuzzy’s Vodka 54.073
11 Max Chilton Ganassi Honda 8 Gallagher 55.255
12 Marco Andretti Andretti Honda 27 Magneti Marelli 58.340
13 Ryan Hunter-Reay Andretti Honda 28 DHL 59.135
14 Carlos Munoz Foyt Chevrolet 14 ABC Supply 1.00.731
15 Tony Kanaan Ganassi Honda 10 NTT Data 1.01.960
16 Simon Pagenaud Penske Chevrolet 1 DXC Technology 1.02.149
17 JR Hildebrand Carpenter Chevrolet 21 Fuzzy’s Vodka 1.06.072
18 Will Power Penske Chevrolet 12 Verizon 1 giro
19 Esteban Gutierrez Coyne Honda 18 Sonny’s 1 giro
20 Oriol Servia Rahal Honda 16 Manitowoc 1 giro
21 Charlie Kimball Ganassi Honda 83 Tresiba 1 giro
22 Conor Daly Foyt Chevrolet 4 ABC Supply Mechanical
Giro più veloce Josef Newgarden 1.04.2062
Giri in testa
Graham Rahal 55
Helio Castroneves 11
Scott Dixon 2
James Hinchcliffe 1
Mikhail Aleshin 1
P: Punto per il miglior tempo in una delle sessioni di qualifica

L: Punto per aver condotto almeno un giro in testa

LL: Due punti per aver condotto il maggior numero di giri in testa

 

La classifica dopo gara 1 a Detroit
Pos. Pilota Punti Vittorie Podi Top 5 Top 10 Poles LL L GPV
1 Scott Dixon 275 4 6 6 1 42 4 1
2 Helio Castroneves 273 1 4 7 2 119 5 1
3 Takuma Sato 258 1 1 2 4 19 2 1
4 Simon Pagenaud 248 1 3 5 5 129 2
5 Alexander Rossi 220 2 3 23 1
6 Josef Newgarden 218 1 2 3 4 16 2 2
7 Ed Jones 207 1 1 4
8 James Hinchcliffe 206 1 2 2 4 47 3
9 Tony Kanaan 203 1 3 22 1
10 Graham Rahal 198 1 1 1 3 1 55 3 1
11 Will Power 198 1 2 2 2 3 185 4 2
12 Max Chilton 189 1 2 50 1
13 Ryan Hunter-Reay 169 1 2 2 56 2
14 Marco Andretti 165 2
15 Mikhail Aleshin 163 2 1 1
16 JR Hildebrand 161 1 1 1 2 1
17 Carlos Munoz 149 3
18 Sebastien Bourdais 136 1 2 2 3 69 1
19 Spencer Pigot 115 3
20 Charlie Kimball 108 1 16 2
21 Ed Carpenter 105 1 5 1
22 Conor Daly 96
23 Juan Pablo Montoya 93 1
24 Gabby Chaves 53 1
25 Oriol Servia 50
26 Fernando Alonso 47 27 1
27 Sebastian Saavedra 33
28 Pippa Mann 32
29 Jay Howard 24
30 Zach Veach 23
31 Sage Karam 23
32 James Davison 21
33 Jack Harvey 17
34 Buddy Lazier 14
35 Esteban Gutierrez 11

2017 – Indianapolis 500

101° Indianapolis 500 presented by Penngrade – 15-28 maggio 2017 – Sesta gara della stagione 2017

 

Circuito: Indianapolis Motor Speedway

Tipologia: Super Speedway

Lunghezza: 2.5  mi – 4.02 km

Configurazione aerodinamica: Indianapolis, monoplano posteriore

Record della pista: 37.895 – Arie Luyendyk, 1996 – Reynard-Ford

Distanza di gara: 200 giri – 500 miglia

Vincitore uscente: Alexander Rossi

 

Elenco iscritti
N Pilota Nazionalità Squadra Pacchetto Sponsor Stratega Ingegnere
1 Simon Pagenaud FRA Penske Chevrolet Menard’s Kyle Moyer Ben Bretzman
2 Josef Newgarden USA Penske Chevrolet Hum Tim Cindric Brian Campe
3 Helio Castroneves BRA Penske Chevrolet Shell Roger Penske Jonathan Diuguid
4 Conor Daly USA Foyt Chevrolet ABC Supply Mike Colliver
5 James Hinchcliffe CAN Schmidt Honda Arrow Electronics Robert Gue Allen McDonald
7 Mikhail Aleshin RUS Schmidt Honda Lucas Nick Snyder Blair Perschbacher
8 Max Chilton ENG Ganassi Honda Gallagher Julian Robertson Brandon Fry
9 Scott Dixon NZL Ganassi Honda NTT/Camping World Mike Hull Chris Simmons
10 Tony Kanaan BRA Ganassi Honda NTT Data Barry Wanser Eric Cowdin
11 Spencer Pigot USA Juncos Chevrolet Oceanfront Recovery Steve Newey
12 Will Power AUS Penske Chevrolet Verizon Jon Bouslog Dave Faustino
14 Carlos Munoz COL Foyt Chevrolet ABC Supply Larry Foyt Will Phillips
15 Graham Rahal USA Rahal Honda Stake n’ Shake Ricardo Nault Eddie Jones
16 Oriol Servia SPA Rahal Honda Manitowoc Tom German
17 Sebastian Saavedra COL Juncos Chevrolet AFS
18 Sebastien Bourdais FRA Coyne Honda Sonny’s/Geico Dale Coyne Craig Hampson
19 Ed Jones EAU Coyne Honda Boy Scouts of America Darren Crouser Mike Cannon
20 Ed Carpenter USA Carpenter Chevrolet Fuzzy’s Vodka Tim Broyles Matt Barnes
21 J.R Hildebrand USA Carpenter Chevrolet Preferred Brent Harvey Justin Taylor
22 Juan Pablo Montoya COL Penske Chevrolet Fitzgerald Ron Ruzewski Raul Prados
24 Sage Karam USA Dreyer&Reinbold Chevrolet Mecum Dennis Reinbold
26 Takuma Sato JPN Andretti Honda Panasonic Garrett Mothersead
27 Marco Andretti USA Andretti Honda Uniter Fiber & Data Bryan Herta Nathan O’Rourke
28 Ryan Hunter-Reay USA Andretti Honda DHL Ray Gosselin Ray Gosselin
29 Fernando Alonso SPA McLaren Andretti Honda Michael Andretti Eric Bretzman
40 Zach Veach USA Foyt Chevrolet Indy Women in Tech Andy Brown
44 Buddy Lazier USA Lazier Chevrolet
50 Jack Harvey ENG Shank Andretti Honda Sirius XM
63 Pippa Mann ENG Coyne Honda Susan G. Komen
77 Jay Howard ENG Schmidt Honda Lucas
83 Charlie Kimball USA Ganassi Honda Tresiba Scott Harner Todd Malloy
88 Gabby Chaves COL Harding – DRR Chevrolet Harding Group Larry Curry
98 Alexander Rossi USA Andretti Honda Napa/Castrol Rob Edwards Jeremy Milless

 

Griglia di partenza – Indianapolis 500
Pos. Pilota Velocità (mph) Distacco (s) Pilota Velocità (mph) Distacco (s) Pilota Velocità (mph) Distacco (s)
1 Scott Dixon 232.164 2:35.063
2 Ed Carpenter 231.664 0,3346
3 Alexander Rossi 231.487 0,4533
4 Takuma Sato 231.365 0,5351
5 Fernando Alonso 231.3 0,5793
6 JR Hildebrand 230.889 0,8561
7 Tony Kanaan 230.828 0,8971
8 Marco Andretti 230.474 1,1368
9 Will Power 230.2 1,3229
10 Ryan Hunter-Reay 231.442 0,4833
11 Ed Jones 230.578 1,0663
12 Oriol Servia 230.309 1,2488
13 Mikhail Aleshin 230.271 1,2747
14 Graham Rahal 230.253 1,2869
15 Max Chilton 230.068 1,4128
16 Charlie Kimball 229.956 1,4884
17 James Hinchcliffe 229.86 1,5539
18 Juan Pablo Montoya 229.565 1,755
19 Helio Castroneves 229.515 1,7898
20 Jay Howard 229.414 1,8583
21 Sage Karam 229.38 1,8817
22 Josef Newgarden 228.501 2,4858
23 Simon Pagenaud 228.093 2,7673
24 Carlos Munoz 227.921 2,8867
25 Gabby Chaves 226.921 3,5828
26 Conor Daly 226.439 3,9201
27 Jack Harvey 225.742 4,4111
28 Pippa Mann 225.008 4,9314
29 Spencer Pigot 224.052 5,6138
30 Buddy Lazier 223.417 6,071
31 Sebastian Saavedra 221.142 7,7281
32 Zach Veach 221.081 7,773
33 James Davison senza tempo

 

Indianapolis 500 – Ordine d’arrivo
Pos. Pilota Squadra Pacchetto  N Sponsor Tempo
1 Takuma Sato (L) Andretti Honda 26 Ruoff 200 giri in 03:13:03.3584 – 155,395 mph
2 Helio Castroneves (L) Penske Chevrolet 3 Shell 0.2011
3 Ed Jones Coyne Honda 19 Boy Scouts of America 0.5278
4 Max Chilton (LL)(L) Ganassi Honda 8 Gallagher 1.137
5 Tony Kanaan (L) Ganassi Honda 10 NTT Data 1.647
6 Juan Pablo Montoya Penske Chevrolet 22 Fitzgerald 1.715
7 Alexander Rossi (L) Andretti Honda 98 Napa/Castrol 2.422
8 Marco Andretti Andretti Honda 27 Uniter Fiber & Data 2.541
9 Gabby Chaves Harding – DRR Chevrolet 88 Harding Group 3.831
10 Carlos Munoz Foyt Chevrolet 14 ABC Supply 4.532
11 Ed Carpenter (L) Carpenter Chevrolet 20 Fuzzy’s Vodka 4.623
12 Graham Rahal (L) Rahal Honda 15 Stake n’ Shake 5.031
13 Mikhail Aleshin Schmidt Honda 7 Lucas 5.699
14 Simon Pagenaud Penske Chevrolet 1 Menard’s 6.051
15 Sebastian Saavedra Juncos Chevrolet 17 AFS 12.667
16 JR Hildebrand (L) Carpenter Chevrolet 21 Preferred 33.219
17 Pippa Mann Coyne Honda 63 Susan G. Komen 1 giro
18 Spencer Pigot Juncos Chevrolet 11 Oceanfront Recovery 6 giri
19 Josef Newgarden Penske Chevrolet 2 Hum 14 giri
20 James Davison Coyne Honda 18 Sonny’s/Geico incidente
21 Oriol Servia Rahal Honda 16 Manitowoc incidente
22 James Hinchcliffe Schmidt Honda 5 Arrow Electronics incidente
23 Will Power Penske Chevrolet 12 Verizon incidente
24 Fernando Alonso (L) Andretti Honda 29 motore
25 Charlie Kimball (L) Ganassi Honda 83 Tresiba motore
26 Zach Veach Foyt Chevrolet 40 Indy Women in Tech
27 Ryan Hunter-Reay (L) Andretti Honda 28 DHL motore
28 Sage Karam Dreyer&Reinbold Chevrolet 24 Mecum
29 Buddy Lazier Lazier Chevrolet 44 incidente
30 Conor Daly Foyt Chevrolet 4 ABC Supply incidente
31 Jack Harvey Andretti Honda 50 Sirius XM incidente
32 Scott Dixon (L) Ganassi Honda 9 Camping World incidente
33 Jay Howard Schmidt Honda 77 Lucas incidente
Giro più veloce Takuma Sato 39.790 229.190 mph
Velocità massima Sage Karam 236.059 mph 379.819 km/h
Giri condotti in testa
Max Chilton 50
Ryan Hunter-Reay 28
Fernando Alonso 27
Alexander Rossi 23
Tony Kanaan 22
Takuma Sato 17
Helio Castroneves 9
Ed Carpenter 5
Charlie Kimball 5
Scott Dixon 5
Graham Rahal 2
JR Hildebrand 2
LL: Due punti per il maggior numero di giri in testa

L: Punto per aver condotto almeno un giro in testa

 

La classifica dopo la Indy 500
Pos. Pilota Punti Vittorie Podi Top 5 Top 10 Poles LL L GPV
1 Helio Castroneves 245 0 1 4 6 2 108 4 1
2 Scott Dixon 234 0 3 5 5 1 40 3 1
3 Simon Pagenaud 234 1 3 5 5 0 129 2 0
4 Takuma Sato 234 1 1 2 3 0 19 2 1
5 Alexander Rossi 190 0 0 1 3 0 23 1 0
6 Tony Kanaan 188 0 0 1 3 0 22 1 0
7 Josef Newgarden 186 1 2 2 4 0 16 2 1
8 Will Power 186 1 2 2 2 3 185 4 2
9 Ed Jones 185 0 1 1 3 0 0 0 0
10 James Hinchcliffe 170 1 1 1 3 0 46 2 0
11 Max Chilton 170 0 0 1 2 0 50 1 0
12 Ryan Hunter-Reay 152 0 1 2 2 0 56 2 0
13 JR Hildebrand 148 0 1 1 1 0 0 2 1
14 Marco Andretti 147 0 0 0 2 0 0 0 0
15 Graham Rahal 144 0 0 0 2 0 0 2 1
16 Sebastien Bourdais 136 1 2 2 3 0 69 1 0
17 Mikhail Aleshin 134 0 0 0 1 0 0 0 0
18 Carlos Munoz 133 0 0 0 3 0 0 0 0
19 Ed Carpenter 105 0 0 0 1 0 5 1 0
20 Charlie Kimball 99 0 0 0 1 0 16 2 0
21 Spencer Pigot 95 0 0 0 2 0 0 0 0
22 Juan Pablo Montoya 93 0 0 0 1 0 0 0 0
23 Conor Daly 88 0 0 0 0 0 0 0 0
24 Gabby Chaves 53 0 0 0 1 0 0 0 0
25 Fernando Alonso 47 0 0 0 0 0 27 1 0
26 Oriol Servia 40 0 0 0 0 0 0 0 0
27 Sebastian Saavedra 33 0 0 0 0 0 0 0 0
28 Pippa Mann 32 0 0 0 0 0 0 0 0
29 Jay Howard 24 0 0 0 0 0 0 0 0
30 Zach Veach 23 0 0 0 0 0 0 0 0
31 Sage Karam 23 0 0 0 0 0 0 0 0
32 James Davison 21 0 0 0 0 0 0 0 0
33 Jack Harvey 17 0 0 0 0 0 0 0 0
34 Buddy Lazier 14 0 0 0 0 0 0 0 0

 

Immagine di copertina: indycar.com

2017 – Indianapolis GP

IndyCar Grand Prix – 12-13 maggio 2017 – Quinta gara della stagione 2017

Circuito: Indianapolis Motor Speedway – Road Course

Tipologia: Stradale Permanente

Lunghezza: 2.439 mi – 3.924 km

Configurazione aerodinamica: Stradale

Record della pista: 1:08.6746, Will Power, Dallara – Chevrolet, 2016

Distanza di gara: 85 giri – 207,3 mi

Vincitore uscente:  Simon Pagenaud

 

Indy GP – Griglia di partenza
Pos. Pilota Tempo Pilota Tempo
1 Will Power 01.07.7044
2 Helio Castroneves 01.08.1169
3 Josef Newgarden 01.08.1622
4 Scott Dixon 01.08.2454
5 Juan Pablo Montoya 01.08.2478
6 Sebastien Bourdais 01.08.3973
7 Simon Pagenaud 01:08.4461
8 Ryan Hunter-Reay 01:08.5735
9 Alexander Rossi 01:08.5824
10 James Hinchcliffe 01:08.8668
11 Marco Andretti 01:08.9151
12 Tony Kanaan 01:08.9853
13 Max Chilton 01:08.6675
14 Ed Jones 01:09.0025
15 Spencer Pigot 01:08.9484
16 Conor Daly 01:09.0557
17 Carlos Munoz 01:08.9937
18 Mikhail Aleshin 01:09.1777
19 Graham Rahal 01:09.0985
20 Charlie Kimball 01:09.1796
21 Takuma Sato 01:09.3134
22 JR Hildebrand 01:09.6123

 

Indianapolis Grand Prix – Ordine d’arrivo
Pos. Pilota Squadra Pacchetto N Sponsor Tempo
1 Will Power (P)(L)(LL) Penske Chevrolet 12 Verizon 85 giri in 01:42:57.6108 – 120.813 mph
2 Scott Dixon Ganassi Honda 9 NTT Data 5.2830
3 Ryan Hunter-Reay Andretti Honda 28 DHL 12.0296
4 Simon Pagenaud Penske Chevrolet 1 Menard’s 17.0668
5 Helio Castroneves (L) Penske Chevrolet 3 Verizon 20.6072
6 Graham Rahal Rahal Honda 15 Turns for Troops 25.1039
7 Max Chilton Ganassi Honda 8 Gallagher 25.7054
8 Alexander Rossi Andretti Honda 98 Napa/Castrol 29.3214
9 Spencer Pigot Carpenter Chevrolet 20 Fuzzy’s Vodka 36.5878
10 Juan Pablo Montoya Penske Chevrolet 22 Fitzgerald 41.8238
11 Josef Newgarden Penske Chevrolet 2 Hum 48.3846
12 Takuma Sato Andretti Honda 26 Panasonic 56.2212
13 James Hinchcliffe Schmidt Honda 5 Arrow Electronics 1:02.6805
14 JR Hildebrand Carpenter Chevrolet 21 Preferred 1 giro
15 Carlos Munoz Foyt Chevrolet 14 ABC Supply 1 giro
16 Marco Andretti Andretti Honda 27 United Fiber & Data 1 giro
17 Conor Daly Foyt Chevrolet 4 ABC Supply 1 giro
18 Mikhail Aleshin Schmidt Honda 7 Lucas 1 giro
19 Ed Jones Coyne Honda 19 Boy Scouts of America 1 giro
20 Tony Kanaan Ganassi Honda 10 NTT Data 2 giri
21 Charlie Kimball Ganassi Honda 83 Tresiba motore
22 Sebastien Bourdais Coyne Honda 18 Sonny’s motore
Giro più veloce: Josef Newgarden – 1.09.3888
Giri condotti in testa
Will Power 61
Helio Castroneves 24

 

Classifica dopo Indianapolis Grand Prix
Pos. Pilota Punti Distacco Gare Vittorie Podi Top 5 Top 10 Poles LL L GPV
1 Simon Pagenaud 191 5 1 3 5 5 129 2
2 Scott Dixon 181 10 5 3 5 5 35 2 1
3 Josef Newgarden 152 39 5 1 2 2 4 16 2 1
4 Helio Castroneves 149 42 5 3 5 2 99 3 1
5 Will Power 145 46 5 1 2 2 2 3 185 4 2
6 James Hinchcliffe 137 54 5 1 1 1 3 46 2
7 Sebastien Bourdais 136 55 5 1 2 2 3 69 1
8 Ryan Hunter-Reay 117 74 5 1 2 2 28 1
9 Alexander Rossi 99 92 5 1 2
10 Takuma Sato 97 94 5 1 2 2 1
11 Tony Kanaan 97 94 5 2
12 Ed Jones 92 99 5 2
13 Graham Rahal 87 104 5 2
14 JR Hildebrand 87 104 4 1 1 1
15 Max Chilton 84 107 5 1
16 Carlos Munoz 83 108 5 2
17 Mikhail Aleshin 79 112 5 1
18 Marco Andretti 71 120 5 1
19 Conor Daly 70 121 5
20 Charlie Kimball 70 121 5 1 11 1
21 Spencer Pigot 66 125 4 2
22 Ed Carpenter 26 165 1 1
23 Zach Veach 11 180 1

 

2017 – Phoenix

Desert Diamond West Valley Phoenix Grand Prix – 28-29 aprile 2017 – Quarta prova stagionale

Circuito: Phoenix International Raceway

Tipologia: Ovale corto

Lunghezza: 1.022 mi – 1.644 km

Configurazione aerodinamica: Ovale corto

Record della pista: 19.0997, Helio Castroneves, Dallara – Chevrolet, 2016

Distanza di gara: 250 giri – 255.5 mi

Vincitore uscente:  Scott Dixon

 

Phoenix – Griglia di partenza
Pos. Pilota Tempo Pilota Tempo
1 Helio Castroneves 00:37.7538
2 Will Power 00:37.9266
3 JR Hildebrand 00:37.9471
4 Josef Newgarden 00:37.9933
5 Simon Pagenaud 00:38.0449
6 Tony Kanaan 00:38.2178
7 Mikhail Aleshin 00:38.2599
8 Scott Dixon 00:38.3151
9 Marco Andretti 00:38.4478
10 Sebastien Bourdais 00:38.4554
11 James Hinchcliffe 00:38.4866
12 Ryan Hunter-Reay 00:38.5663
13 Max Chilton 00:38.5725
14 Charlie Kimball 00:38.6136
15 Alexander Rossi 00:38.6461
16 Ed Jones 00:38.7226
17 Graham Rahal 00:38.7721
18 Takuma Sato 00:38.7736
19 Carlos Munoz 00:38.8715
20 Conor Daly 00:39.0291
21 Ed Carpenter 00:39.4849

 

Una corsa insulsa, non ci sono molti altri aggettivi per descrivere il quarto appuntamento del campionato IndyCar. Tornata sull’ovale di Phoenix nel 2016, la serie aveva dato vita a una gara prevedibile e noiosa, a causa di un carico aerodinamico così esagerato da permettere ai piloti di girare in pieno quasi in ogni condizione. Venendo meno anche un consistente degrado degli pneumatici, a causa dell’eccessivo carico verticale agente su una mescola forse troppo dura di suo, la gara si era trasformata in una stucchevole processione a 300 all’ora di media, in cui anche un doppiaggio diventava un’impresa, figuriamoci un sorpasso per la posizione. Finita la corsa, per il 2017 quasi tutti auspicavano un cambiamento nel pacchetto tecnico, in modo da dare vita a una corsa vera, impegnativa per i piloti e in grado di creare un buon spettacolo, fondamentale per ricreare una solida base di pubblico. In vista dei test pre stagionali di febbraio però l’indyCar ha clamorosamente fatto marcia indietro, confermando il pacchetto ad alto carico nella speranza che un mescola leggermente diversa e una conoscenza più approfondita degli aerokit avrebbero fatto il miracolo. Così non è stato, e anche la corsa di sabato scorso si è trasformata in una infernale processione, con cinque vetture Chevrolet in fuga e il resto del gruppo, leggasi Honda, in affannoso inseguimento, con i sorpassi in pista che nelle due ore di gara si sono contati sulle dita di una mano.

L’incidente innescato alla prima curva da Mikhail Aleshin poi non ha certo aiutato a rendere più interessante la competizione. Il russo ha perso il posteriore in mezzo al gruppo, finendo per travolgere il capo classifica Sebastien Bourdais. Ingannati dal fumo, Andretti e Chilton sono a loro volta finiti in testacoda, non lasciando scelta a Rahal, che non ha potuto evitare il contatto con la vettura dell’inglese. Dopo una lunga bandiera gialla, Castroneves ha comandato il gruppo dei 16 superstiti fino al primo pit stop, che ha visto Will Power balzare al comando dalla quarta piazza, davanti al brasiliano, con Pagenaud e Newgarden poco più indietro. Una sosta non entusiasmante ha invece costretto Hildebrand a farsi largo tra Kanaan, Dixon e Hinchcliffe per recuperare fino al quarto posto, superando poi anche Newgarden, in difficoltà dopo un leggero contatto con Castroneves.

Il secondo turno di soste, arrivato tra il 130° e il 140° giro, ha deciso la gara. Dopo aver visto Alexander Rossi costretto al ritiro per aver strisciato contro il muro della curva 4, il team Andretti ha perso la vettura di Sato in un impatto ben più violento, causato forse dal cedimento della gomma anteriore destra. L’incidente del giapponese è però arrivato mentre Power, Castroneves e Hildebrand effettuavano la seconda sosta, con Pagenaud invece ancora in pista in virtù di un consumo leggermente migliore. Una volta aperta la pit lane, il francese ha a sua volta effettuato il secondo pit stop, tornando in pista comodamente al comando. I principali avversari hanno infatti dovuto superare la pace car e accodarsi al gruppo, costituito dalle numerose vetture Honda rimaste beffate dalla bandiera gialla. Più lenti e in difficoltà coi consumi a causa dell’elevata resistenza del pacchetto nipponico, Dixon, Kanaan e gli altri  avevano infatti già effettuato la propria sosta ai box al momento dell’incidente di Sato, rimanendo così attardati di un giro.

A un centinaio di passaggi dalla bandiera scacchi Pagenaud ha quindi assunto il comando della gara, prendendo il largo mentre Power, Castroneves e Hildebrand perdevano tempo dietro Dixon e Kanaan. A loro si è poi aggiunto Newgarden, ripartito dal fondo ma ancora a pieni giri dopo aver sostituito il musetto durante la bandiera gialla. Con Pagenaud ancora saldamente in testa su Power, l’americano è quindi salito in zona podio dopo la terza serie di soste, ma in una concitata fase di doppiaggi ha poi finito per rovinare nuovamente l’ala anteriore, questa volta contro il posteriore di Hunter-Reay, in difficoltà per tutta la gara e infine costretto al ritiro dopo aver strisciato il muro. La conseguente sosta è costata cara a Newgarden, precipitato ai margini della top ten. Abile nello sfruttare a suo favore la confusione, nel finale Hildebrand si è portato in zona podio, avvicinando pericolosamente Power senza però riuscire a trovare il varco giusto.

Nessun problema invece per Pagenaud, bravo e fortunato nel centrare il primo successo in carriera su ovale. Ancora a secco di vittorie nonostante un’altra prova da protagonista, per Power è comunque arrivato il primo podio stagionale, buono per dare il via a una rimonta non impossibile. Podio, il primo da Indy 2011, anche per J.R. Hildebrand, che ha confermato il ruolo di spina nel fianco del team Penske al suo ritorno dall’incidente di Long Beach. Castroneves ha chiuso quarto un’altra prova solida che però conferma il suo stato attuale, velocissimo in prova ma non abbastanza consistente sul passo gara. Scott Dixon al contrario ha portato a casa il massimo risultato ottenibile, un quinto posto al termine di un lungo confronto con il compagno Kanaan, sesto sul traguardo davanti a Ed Carpenter, il cui fine settimana è stato rovinato dal problema al serbatoio riscontrato il venerdì. Kimball ha poi chiuso ottavo a un giro dai compagni di squadra, precedendo Newgarden, velocissimo ma troppo falloso in una giornata in cui una Penske garantiva un posto in top 5. Carlos Munoz ha invece rimontato bene dal fondo, centrando il secondo arrivo in top ten della stagione, oltre a portare a 7 le vetture Chevrolet nelle prime dieci posizioni. Ed Jones ha quindi completato il suo battesimo di fuoco sugli ovali portando a casa un undicesimo posto davanti a Hinchcliffe, in lotta per tutta la gara con Dixon e Kanaan ma costretto a uno splash and go negli ultimi giri. Problemi al cambio hanno invece privato Conor Daly, in gran rimonta nelle prime fasi, di un sicuro piazzamento in top ten.

 

Phoenix – Ordine d’arrivo
Pos. Pilota Squadra Pacchetto N Sponsor Tempo
1 Simon Pagenaud (L) (LL) Penske Chevrolet 1 Menard’s 250 giri in 01:46:24.9473 – 144,058 mph
2 Will Power (L) Penske Chevrolet 12 Verizon 9.103
3 JR Hildebrand Carpenter Chevrolet 21 Fuzzy’s Vodka 9.342
4 Helio Castroneves (L) (P) Penske Chevrolet 3 Hitachi 16.586
5 Scott Dixon Ganassi Honda 9 NTT Data 1 giro
6 Tony Kanaan Ganassi Honda 10 NTT Data 1 giro
7 Ed Carpenter Carpenter Chevrolet 20 Fuzzy’s Vodka 2 giri
8 Charlie Kimball Ganassi Honda 83 Tresiba 2 giri
9 Josef Newgarden (L) Penske Chevrolet 2 Hum 2 giri
10 Carlos Munoz Foyt Chevrolet 14 ABC Supply 3 giri
11 Ed Jones Coyne Honda 19 Boy Scouts of America 3 giri
12 James Hinchcliffe Schmidt Honda 5 Arrow Electronics 4 giri
13 Ryan Hunter-Reay Andretti Honda 28 DHL incidente
14 Conor Daly Foyt Chevrolet 4 ABC Supply 70 giri
15 Alexander Rossi Andretti Honda 98 Napa/Castrol incidente
16 Takuma Sato Andretti Honda 26 Panasonic incidente
17 Mikhail Aleshin Schmidt Honda 7 Lucas incidente
18 Marco Andretti Andretti Honda 27 Oberto incidente
19 Sebastien Bourdais Coyne Honda 18 Sonny’s incidente
20 Max Chilton Ganassi Honda 8 Gallagher incidente
21 Graham Rahal Rahal Honda 15 United Rentals incidente
P = Punto per la pole position;

L= Punto per aver condotto almeno un giro in testa;

LL= due punti per aver condotto il maggior numero di giri in testa

Giro più veloce: Will Power – 19.7446
Giri in testa
Simon Pagenaud 116
Helio Castroneves 73
Will Power 59
Josef Newgarden 2

 

Classifica dopo Phoenix
Pos. Pilota Punti Vittorie Podi Top 5 Top 10 Poles LL L GPV
1 Simon Pagenaud 159 1 3 4 4 129 2
2 Scott Dixon 141 2 4 4 35 2 1
3 Josef Newgarden 133 1 2 2 4 16 2
4 Sebastien Bourdais 128 1 2 2 3 69 1
5 James Hinchcliffe 120 1 1 1 3 46 2
6 Helio Castroneves 118 2 4 2 75 2 1
7 Will Power 91 1 1 1 2 124 3 2
8 Tony Kanaan 87 2
9 Ryan Hunter-Reay 82 1 1 28 1
10 Ed Jones 81 2
11 Takuma Sato 79 1 2 2 1
12 Alexander Rossi 75 1 1
13 JR Hildebrand 71 1 1 1
14 Carlos Munoz 68 2
15 Mikhail Aleshin 67 1
16 Charlie Kimball 61 1 11 1
17 Graham Rahal 59 1
18 Max Chilton 58
19 Marco Andretti 57 1
20 Conor Daly 57
21 Spencer Pigot 44 1
22 Ed Carpenter 26 1
23 Zach Veach 11
LL: Giri al comando

L: Gare al comando

GPV: Giri più veloci in gara

2017 – Barber

Honda Grand Prix of Alabama – 21-23 aprile 2017 – Terza prova stagionale

 

 

Circuito: Barber Motorsports Park

Tipologia: Stradale Permanente

Lunghezza: 2.3 mi – 3.7 km

Configurazione aerodinamica: Stradale

Record della pista: 1.06.6001, Sebastien Bourdais, Dallara – Chevrolet, 2016

Distanza di gara: 90 giri – 207 mi

Vincitore uscente:  Simon Pagenaud

A due settimane dal ritorno al successo di James Hinchcliffe, vittorioso a Long Beach, l’IndyCar fa tappa in Alabama per il terzo appuntamento stagionale. Impegnativo e divertente in virtù di un layout che segue l’andamento del terreno, proponendo un’ampia varietà di curve, il circuito di Barber sulla carta non sembrerebbe particolarmente prodigo di punti di sorpasso, ma dall’introduzione della DW12 il tracciato nei pressi di Birmingham ha offerto alcune delle più divertenti gare degli ultimi anni. L’edizione 2016 in particolare, pur non segnalandosi tra le più ricche di sorpassi, ha vissuto un finale spettacolare, con Pagenaud e Rahal impegnati in un duello sopra le righe che alla fine ha visto prevalere il francese. Dopo due secondi posti il pilota dell’Ohio rimane un favorito d’obbligo per il successo, specie considerando la supremazia mostrata dalla Honda nei primi due appuntamenti, svoltisi però su una tipologia di circuito differente. Il passaggio da cittadini a stradali potrebbe infatti alterare gli equilibri tecnici, facendo passare la potenza in secondo piano rispetto al grip meccanico garantito da sempre più sofisticati ammortizzatori, uno dei pochi campi in cui le squadre hanno più o meno carta bianca nello sviluppo.

 

Griglia di Partenza
Pos. Pilota Tempo Pilota Tempo
1 Will Power 1.06.9614
2 Helio Castroneves 1.07.1429
3 Simon Pagenaud 1.07.3817
4 Scott Dixon 1.07.5817
5 Ryan Hunter-Reay 1.07.6851
6 James Hinchcliffe 1.07.8710
7 Josef Newgarden 01:07.5941
8 Mikhail Aleshin 01:07.9467
9 Max Chilton 01:07.9788
10 Tony Kanaan 01:08.0305
11 Ed Jones 01:08.2034
12 Sebastien Bourdais 01:08.2726
13 Marco Andretti 01:07.5405
14 Takuma Sato 01:07.6928
15 Charlie Kimball 01:07.7033
16 Carlos Munoz 01:07.7007
17 Spencer Pigot 01:07.9211
18 Alexander Rossi 01:07.7483
19 Zach Veach 01:08.4681
20 Conor Daly 01:08.0104
21 Graham Rahal 01:08.0499

 

Dopo due corse positive ma non esaltanti, è arrivato il primo successo per Josef Newgarden con il team Penske. Il pilota del Tennesse ha replicato per certi versi la prestazione del 2015, quando si portò al comando mettendo a segno alcuni splendidi sorpassi nella curva 15. È stato così anche a oggi e a farne le spese è stato soprattutto Scott Dixon, che avrebbe dovuto fare tesoro di quanto accaduto nelle edizioni precedenti, dato che la manovra sta diventando un vero e proprio marchio di fabbrica per Newgarden. La vera svolta nella corsa del neo acquisto del Capitano è stata però il ritiro di Will Power. L’australiano ha comandato la gara per quasi tutta la sua distanza, controllando Newgarden e Dixon con un vantaggio che, in funzione della strategia e del diverso degrado degli pneumatici, è oscillato tra 3.5 secondi e pochi decimi. Una foratura lenta a una decina di giri dalla conclusione ha però costretto il campione 2014 a una sosta supplementare, relegandolo al 14° posto.

La prima sorpresa della gara è arrivata al primo giro, quando un duro scambio di ruotate tra Hinchcliffe e Hunter-Reay ha danneggiato l’ala anteriore dell’americano, costringendo alla neutralizzazione della corsa. Nelle prime fasi Power ha preceduto un gruppo ravvicinato composto da Castroneves, Dixon (abile nel superare Pagenaud al via), lo stesso Pagenaud e Newgarden, liberatosi di Hinchcliffe subito prima della bandiera gialla. Alla ripartenza il pilota del Tennesse ha poi continuato la sua progressione, ingaggiando una bella battaglia con il compagno di squadra, culminata in un attacco in curva 5 che ha costretto il francese a sconfinare nell’erba e perdere un’ ulteriore posizione a vantaggio di Hinchcliffe. Newgarden ha quindi messo nel mirino Dixon, senza però trovare il varco per raggiungere la zona podio. È stata però solo una questione di tempo, perché il primo turno di soste, da tutti completato tra il 15° e il 25° giro, ha visto il ricomporsi di un duo Penske al comando, con però Newgarden al posto di Castroneves, precipitato in quarta posizione davanti a Pagenaud e Hinchcliffe, seguiti da un ottimo Rossi. Power ha continuato a comandare la corsa, vedendosi però avvicinare dal nuovo compagno e soprattutto da Dixon prima del secondo turno di soste, arrivato tra il 40° e il 45° giro e sfruttato da Pagenaud e Hinchcliffe per liberarsi di Castroneves. Con un vantaggio di 3 secondi su Newgarden e 6 su Dixon, Power sembrava avere la corsa in tasca, ma progressivamente gli inseguitori hanno ridotto il distacco, al punto che intorno al 60° giro i tre erano racchiusi in meno di due secondi, con Pagenaud 10 secondi più indietro.

Nel frattempo un serrato gruppetto nella parte basse della top ten ha visto Spencer Pigot esibirsi in una ripetizione di quanto mostrato a St. Pete. Partito 17°, in pochi giri il californiano si è liberato alla grande di Bourdais e Kanaan, lanciandosi all’inseguimento di Rossi per la settima piazza. Peccato che la bella prestazione sia poi stata rovinata da un testacoda alla curva 5, costata un giro al campione IndyLights 2015, sempre più efficace in gara che in prova. La neutralizzazione, arrivata al giro 63, è servita a tutti per effettuare l’ultima sosta, che ha visto Dixon sopravanzare finalmente Newgarden. La bandiera verde è tornata a sventolare al 69° giro con Charlie Kimball al comando, non essendosi fermato nella speranza di uno scroscio di pioggia poi non arrivato. Sorpreso abilmente Dixon con la sua classica manovra alla curva 15, Newgarden si è così lanciato all’inseguimento di Power, che dopo essere tornato al comando in seguito al pit stop di Kimball, è come detto rimasto vittima di una perdita di pressione che lo ha costretto tristemente ad una nuova visita in pit lane. Negli ultimi giri Dixon, sicuramente alterato dalla manovra decisa di Newgarden, ha messo molta pressione al rivale, ma nonostante una disponibilità doppia di push to pass non è mai riuscito a costruire una manovra di sorpasso efficace, dovendosi accontentare dell’ennesimo podio. Pagenaud, rientrato nei giochi per la vittoria grazie alla neutralizzazione, non è in realtà mai stato della partita, frenato da problemi di consumo. Alle sue spalle ha chiuso un Castroneves poco incisivo con le gomme dure, che ha preceduto Alexander Rossi, la cui bella rimonta è stata premiata da un errore di Hinchcliffe, che finendo largo in un tentativo di attacco a Pagenaud ha consegnato all’americano il quinto posto. Il canadese si è quindi dovuto accontentare della sesta piazza davanti a Kanaan, che ha risolto a suo favore un lungo duello con Bourdais, bravo comunque a portare a casa un piazzamento in un fine settimana difficile, da cui esce ancora come capo classifica. Takuma Sato ha a sua volta rimontato bene terminando al nono posto, davanti ad Aleshin, che con un attacco poco ortodosso all’ultimo giro ha privato Hunter-Reay del decimo posto. Una corsa deludente per il campione 2012, rimasto subito attardato dal contatto al via con Hinchcliffe che lo ha spedito immediatamente in fondo al gruppo. L’americano ha preceduto Chilton, a lungo in lizza per un posto in top ten ma poco incisivo nel finale. Un week end da dimenticare ha invece fruttato a Graham Rahal un misero tredicesimo posto davanti allo sfortunato Power.

La corsa di Marco Andretti è invece subito stata rovinata da un problema elettrico che ha tenuto fermo in pit lane l’americano per 3 giri.

Barber – Ordine d’arrivo
Pos. Pilota Squadra Pacchetto N Sponsor Tempo
1 Josef Newgarden (L) Penske Chevrolet 2 Fitzgerald 90 giri in 01:54:08.7076 – 108.809 mph
2 Scott Dixon (L) Ganassi Honda 9 NTT Data 1.049
3 Simon Pagenaud Penske Chevrolet 1 Menard’s 2.571
4 Helio Castroneves (L) Penske Chevrolet 3 AAA 11.159
5 Alexander Rossi Andretti Honda 98 12.047
6 James Hinchcliffe Schmidt Honda 5 Arrow Electronics 12.591
7 Tony Kanaan Ganassi Honda 10 NTT Data 15.411
8 Sebastien Bourdais Coyne Honda 18 Sonny’s 16.065
9 Takuma Sato Andretti Honda 26 Panasonic 20.176
10 Mikhail Aleshin Schmidt Honda 7 Lucas 20.706
11 Ryan Hunter-Reay Andretti Honda 28 DHL 22.206
12 Max Chilton Ganassi Honda 8 Gallagher 22.971
13 Graham Rahal Rahal Honda 15 Mi-Jack 24.346
14 Will Power (L) (LL) (P) Penske Chevrolet 12 Verizon 26.318
15 Charlie Kimball (L) Ganassi Honda 83 Tresiba 35.487
16 Ed Jones Coyne Honda 19 Boy Scouts of America 39.564
17 Carlos Munoz Foyt Chevrolet 14 ABC Supply 50.368
18 Conor Daly Foyt Chevrolet 4 ABC Supply 51.203
19 Zach Veach Carpenter Chevrolet 21 Fuzzy’s Vodka 56.254
20 Spencer Pigot Carpenter Chevrolet 20 Fuzzy’s Vodka 1 giro
21 Marco Andretti Andretti Honda 27 3 giri
P = Punto per la pole position;

L= Punto per aver condotto almeno un giro in testa;

LL= due punti per aver condotto il maggior numero di giri in testa

Giro più veloce: Will Power, 1.08.2763
Giri in testa
Will Power 60
Josef Newgarden 14
Charlie Kimball 11
Scott Dixon 3
Helio Castroneves 2

 

La classifica dopo Barber
Pos. Pilota Punti
1 Sebastien Bourdais 117
2 Scott Dixon 111
3 Josef Newgarden 110
4 Simon Pagenaud 106
5 James Hinchcliffe 102
6 Helio Castroneves 84
7 Ryan Hunter-Reay 65
8 Takuma Sato 65
9 Ed Jones 62
10 Alexander Rossi 60
11 Tony Kanaan 59
12 Mikhail Aleshin 54
13 Graham Rahal 50
14 Will Power 50
15 Carlos Munoz 48
16 Max Chilton 48
17 Marco Andretti 45
18 Spencer Pigot 44
19 Conor Daly 41
20 Charlie Kimball 37
21 JR Hildebrand 36
22 Zach Veach 11

Foto di copertina: indycar.com

Alonso e la 500 miglia: una sfida per entrambi

Fernando Alonso alla 500 miglia di Indianapolis è la notizia più importante nel mondo delle ruote scoperte americane dai tempi della scissione. Come accaduto con la partecipazione di Nigel Mansell infatti, l’attenzione dell’intero panorama motoristico internazionale tornerà a concentrarsi sulla capitale dell’Indiana per 10 giorni, qualcosa cui sicuramente l’IndyCar non era più abituata.

Certo, negli ultimi 22 anni tanti avvenimenti clamorosi hanno suscitato attenzione e segnato la storia recente della 500 miglia, ma nessuno ha avuto la portata internazionale dell’annuncio di mercoledì scorso.

Lo scontro del 1996 tra Indy500-US500 ha rappresentato l’apice della guerra tra Tony George e la CART, ma il suo impatto immediato ha riguardato solo appassionati e addetti ai lavori, mentre gli effetti della scissione, seppur subito tangibili, hanno richiesto anni per manifestarsi in tutta la loro gravità, sottraendo interesse verso la corsa al punto che anche i ritorni del team Ganassi nel 2000 e del team Penske nel 2001, hanno si rappresentato pietre miliari nella storia dello Speedway, alimentando però solo l’animosità tra i tifosi superstiti delle due serie. Stesso discorso vale per il passaggio del team Penske in IRL, l’evento che ha di fatto segnato la vittoria della IRL sulla CART. L’assorbimento della morente ChampCar da parte della lega di Tony George è invece passato del tutto inosservato al grande pubblico, disperso in 10 anni di conflitto.

Per quanto riguarda le recenti partecipazioni di grandi personaggi, solo due paralleli sono possibili. L’edizione 2014 ha visto il ritorno di due ex vincitori come Villeneuve e Montoya, ma soprattutto il debutto di Kurt Busch, campione Nascar 2004 sempre al centro dell’attenzione, in pista e fuori. La presenza dell’americano ha attirato sulla 500 miglia l’attenzione del mondo delle stock car, tipicamente abbastanza chiuso in se stesso, permettendo l’ennesimo interessante confronto tra le due categorie, che fino a quel momento aveva visto solo piloti a ruote scoperte tentare, con poca fortuna, la via di Daytona. La presenza di Busch aveva però smosso solo il mondo delle corse americano, con scarso impatto sul pubblico generalista o sugli appassionati d’oltreoceano. Diverso il discorso dell’edizione 2005, in cui il debutto di Danica Patrick ha attirato l’attenzione di un pubblico vasto ed eterogeneo, diventando un fenomeno mediatico in grado di trascendere lo sport e le barriere geografiche, tanto da far fioccare per anni bislacche ipotesi di un impegno dell’americana nel Circus.

La partecipazione di Alonso ha però un sapore totalmente diverso, ricordando più il debutto di Mansell a Surfers Paradise o le avventure di Clark, Stewart e Hill (per citarne alcuni) negli anni ’60. Lo spagnolo non smuoverà l’interesse del pubblico americano, né degli appassionati Nascar né tantomeno quello generalista, per cui è bene non attendersi significativi incrementi di audience televisiva locale. Sarà però certamente in grado, lo ha già fatto, di portare l’attenzione di buona parte del pubblico F1 su una corsa e una categoria di cui la gran parte degli appassionati europei poco sa, se non per i classici luoghi comuni vecchi di 40 anni sugli ovali e le corse a stelle e striscie.

Danica Patrick e Dan Wheldon in lotta nelle fasi finali della Indy 500 2005
Danica Patrick e Dan Wheldon in lotta nelle fasi finali della Indy 500 2005

 

Kurt Busch, sesto nella Indy 500 2014. espnfrontrow.com; IMS Photo
Kurt Busch, sesto nella Indy 500 2014. espnfrontrow.com; IMS Photo

 

Un’occasione da cogliere al volo

L’IndyCar godrà di una visibilità senza precedenti e dopo anni di campagne di promozione fallimentari, è chiamata a trarne il massimo beneficio. Superato brillantemente il disastro del 2015, quando i nuovi aerokit avevano portato a una serie di decolli dalle cause mai del tutto chiarite, il congelamento regolamentare non dovrebbe lasciare spazio a imprevisti di natura tecnica. Deve quindi essere questa l’occasione per tappare la bocca ai tanti critici delle corse su ovali. Le caratteristiche aerodinamiche delle vetture non potranno impedire la gara al risparmio in cui si sono trasformati i primi 150 giri dall’introduzione della DW12, la cui notevole scia ha imposto un modo di correre diverso rispetto al passato, impedendo anche alle vetture più veloci di avvantaggiarsi sul gruppo. La parità tecnica tra Honda e Chevrolet dovrebbe però garantire come nel 2016 un alto numero di contendenti alla vittoria, in grado di creare uno spettacolo eccitante nell’ultimo quarto di gara.

Se poco o nulla si può fare contro la pioggia, che si spera stia alla larga dallo Speedway per prove e week end del Memorial Day, la direzione gara potrà invece influenzare due aspetti decisivi nella riuscita dell’evento: evitare un finale basato sui consumi e far terminare la corsa in regime di gara libera. Il finale 2016, seppur incerto fino all’ultimo, ha lasciato l’amaro in bocca a molti appassionati, privati di una grande battaglia per la vittoria dopo 3 ore di intensa competizione. Si deve quindi scongiurare un’ultima bandiera verde intorno ai 30 giri dal traguardo, la distanza di norma corrispondente a un pieno di etanolo. Dopo aver influenzato il risultato di St. Petersburg con una bandiera gialla assolutamente evitabile, è auspicabile che Brian Barnhart e soci gestiscano con attenzione la permanenza della pace car in pista, allungando nei limiti della logica (e della decenza) le ultime bandiere gialle per permettere a tutti di terminare la corsa senza ulteriori soste. Per quanto riguarda le possibilità di finale in bandiera gialla, se poco si può fare contro un incidente nelle ultimissime battute, nel 2014 la decisione dell’allora direttore di corsa Beaux Barfield di esporre la bandiera rossa a otto giri dalla fine, ha permesso lo spettacolare duello in cui Hunter-Reay ha avuto ragione di Castroneves. Successo americano nell’edizione arricchita dall’effetto Busch, non sfruttato a dovere dalla serie nei mesi successivi.

Un errore che l’IndyCar non può permettersi di ripetere.

Ryan Hunter-Reay si aggiudica in volata la Indy 500 2014. roadandtrack.com
Ryan Hunter-Reay si aggiudica in volata la Indy 500 2014. roadandtrack.com

 

La sfida di Alonso

Questo per quanto riguarda la serie, ma come sarà la 500 miglia di Fernando Alonso? Lo spagnolo si ritroverà immerso in un evento unico nel suo genere, lontano anni luce dal glamour e dall’esclusività dei gran premi, Monaco in testa. A Indy i piloti sono infatti chiamati a partecipare a innumerevoli cerimonie e attività con il pubblico e sarà quindi interessante vedere Alonso alle prese con un evento tipicamente americano, in cui la corsa è solo l’apice di quella che rimane in primo luogo una grande festa popolare.

L’adattamento vero però riguarderà ovviamente la pista. La prima presa di contatto con la Dallara potrebbe essere uno shock per Alonso, che abituato ai circa 900 cv della sua McLaren-Honda storcerà probabilmente il naso davanti ai 550-600 cv della DW12 in versione Indy, che vede la pressione del turbo ridotta a 130 kPa, con una perdita di potenza di oltre 100 cv rispetto alla configurazione stradale. A contare veramente sarà però il comportamento della vettura in piena velocità, dove il due volte campione del mondo si troverà alle prese con un’auto insolitamente leggera di aerodinamica, condizione che, unitamente alla disabitudine a certe velocità, potrebbe portare lo spagnolo a rivivere le sensazioni di Jacques Villeneuve.

Intervistato da Racer.com nel 2014 in occasione del ritorno allo Speedway, il canadese infatti diceva: “Il rookie orientation (il percorso di valutazione che i rookies e chi non ha preso parte alla corsa per qualche anno devono obbligatoriamente superare prima di poter provare con gli altri, ndr) è stato un trauma, devo ammetterlo. Tutto appariva sfocato, velocissimo e pensavo, <Hmmm, come va a finire se si rompe qualcosa qui, o qui?> e anche se sai che la macchina può fare tutto il giro in pieno, ci vuole un po’ per riuscirci. Tu pensi <ok, è ora di tenere giù>, ma poi ti ritrovi a dire <Oh, perché ho alzato il piede qui?>. E’ una sorta di istinto di conservazione. Quando poi siamo tornati per le prove però, dopo 10 giri gli automatismi sono tornati e riuscivo a fare tutto il giro in pieno, non sembrava più così veloce.”

A differenza del canadese, Alonso non ha però esperienza pregressa sugli ovali e sarà chiamato a far suo in breve uno stile di guida profondamente diverso da quanto fin’ora affrontato in carriera. La guida su ovale, in particolare i super speedways, richiede movimenti estremamente dolci, sia nella gestione del volante che dell’acceleratore. Il bassissimo carico aerodinamico rende infatti la vettura nervosa e l’alta velocità amplifica gli effetti degli input più semplici. Lo spagnolo dovrà quindi imparare a reagire con compostezza alle sensazioni trasmesse dalla vettura, dosando con attenzione anche gesti banali come il rilascio in curva, la cui conseguente decelerazione sposta il peso sull’asse anteriore, alleggerendo pericolosamente il retrotreno. Per gli stessi motivi l’uso del freno in situazioni d’emergenza, o anche solo in corsia di decelerazione, richiederà una delicatezza cui il pilota McLaren non è forse abituato. La scorrevolezza in curva ottenuta con il minor angolo di sterzo possibile dovrebbe essere invece una tecnica tutto sommato familiare per lo spagnolo, che però dovrà inizialmente adeguarsi alla stranezza di un volante storto in rettilineo, a causa dell’assetto asimmetrico della vettura, che tende a curvare a sinistra in ogni condizione.

Superato il primo impatto, anche grazie all’aiuto di compagni esperti come Hunter-Reay, Andretti, Sato e lo stesso Rossi, oltre a un assetto che nei primi giorni di prove sarà certamente conservativo e volto a far crescere la fiducia nella vettura, il problema sarà raggiungere la velocità (al netto delle scie) per essere competitivi sia in qualifica che in gara. Alonso si troverà così a scontrarsi con un altro aspetto per certi versi frustrante del correre a Indianapolis con la DW12. Dice ancora Villeneuve: “Rispetto a quando vinsi nel ’95, il modo di guidare è cambiato. Ora si corre un po’ come in Nascar a Daytona. Se sei da solo, stai sempre in pieno. Queste macchine hanno meno potenza e se alzi appena il piede, perdi molto slancio. Se come ai vecchi tempi ci fosse da alzare il piede in curva avresti più controllo e quindi sapresti dove guadagnare. Ma stando sempre a tavoletta è davvero difficile capire dov’è il limite. Ho avuto qualche indizio solo dopo essermi intraversato un paio di volte questa settimana. La seconda ho lasciato delle belle strisciate sull’asfalto che mi hanno fatto pensare: <ok, magari da qui facciamo qualche passo indietro!>”.

La capacità di queste vetture di stare sempre in pieno per buona parte di uno stint può facilmente indurre in un rookie una sensazione di totale controllo. La DW12 però ha dimostrato di poter colpire subdolamente, cosa che nel 2014 Kurt Busch ha imparato finendo contro il muro della curva 2 in prova. Sceso dalla vettura, l’americano ha poi ammesso di non aver seguito l’evoluzione della pista e della vettura operando le dovute correzioni nell’abitacolo. Come usa dire il vincitore 1998 Eddie Cheever infatti, “Indy è come un organismo vivente. Cambia di continuo, insieme al vento, sembra avere un spirito. Devi capirla, ogni attimo, perché non sarà mai la stessa. E nel frattempo la tua macchina sta cercando di ucciderti”. Il comportamento della vettura può cambiare notevolmente infatti con il ridursi del carburante a bordo, l’usura delle gomme, ma soprattutto in funzione del vento, della temperatura dell’aria e dell’asfalto. Alonso dovrà quindi familiarizzare in fretta con gli strumenti che dall’abitacolo permettono una regolazione fine dell’assetto: le leve che controllano le barre anti rollio e il weight jacker, che permette di regolare il precarico di una delle quattro molle. Guidato da un ingegnere esperto come Ben Bretzman poi, dovrà per quanto possibile aiutare il muretto nel decidere le modifiche di assetto (soprattutto pressione gomme e ala anteriore) durante i pit stop, così da adattare la vettura alle mutabili condizioni ambientali e della pista, in modo non troppo dissimile da quanto è abituato a fare in F1.

La prova però più difficile per Alonso sarà imparare a gestire il traffico degli ovali. Se l’enorme scia della DW12 è in parte responsabile della serrata competizione osservata negli ultimi anni, la sua elevata deportanza è però ciò che realmente permette alle vetture di procedere a stretto contatto. Questo non significa che la vettura sia però insensibile alle turbolenze, che in un pacchetto serrato di vetture possono costituire un problema critico, variando notevolmente il comportamento della vettura, che può facilmente passare dal sottosterzo al sovrasterzo. In questo caso Alonso dovrà far suo un altro controsenso degli ovali, imparando ancora una volta dall’errore di Kurt Busch. Come dice Mario Andretti a Motorsport.com infatti: ”Gli specialisti degli stradali hanno la tendenza a esagerare nelle correzioni sugli ovali, abbiamo visto molti esempi nel passato in IndyCar. Se senti che stai perdendo il posteriore, devi quasi lasciarlo andare. Se controsterzi troppo e la macchina riguadagna aderenza infatti, finisci per colpire il muro di muso”.

Un altro aspetto nuovo riguardo il traffico sarà poi il rapporto continuo via radio con lo spotter, oltre alla gestione delle distanze di sorpasso dagli specchietti e le traiettorie disponibili, che si ridurranno progressivamente durante la gara, rendendo imperativo evitare il cosiddetto “grey”, lo sporco che si accumula fuori traiettoria, responsabile ogni anno di buona parte degli incidenti.

Prima della corsa Alonso dovrà poi affrontare il complesso sistema di qualifica, che vede i piloti ripetere numerose volte i canonici  4 giri cronometrati, da affrontarsi con il minimo carico aerodinamico possibile, in una condizione di incipiente sovrasterzo che, per quanto detto sopra, rappresenta una prova massacrante per i nervi e, nei casi peggiori, i riflessi dei piloti, chiamati a correzioni fulminee. Una simile sfida, resa ancora più difficile dal traffico, potrebbe ripresentarsi poi nel finale di gara, dove la ricerca della maggior velocità possibile va inevitabilmente a discapito della stabilità. Alonso e Bretzman dovranno allora essere bravi a evitare l’errore di Barrichello e del team KV nel 2012, rimasti indietro nel momento decisivo perché troppo conservativi con il carico aerodinamico, o quello nel 2014 del rientrante Montoya, impossibilitato a inserirsi nella lotta per la vittoria dopo aver sottovalutato l’efficacia degli aggiustamenti, ai box e in vettura.

 

Solo lati positivi, o quasi…

Sono quindi tante le sfide che soprattutto Alonso, ma anche la stessa IndyCar, dovranno affrontare nel mese di maggio. Se tutto andrà per il meglio, non c’è motivo per cui lo spagnolo non possa inserirsi nella lotta di testa e dimostrare ancora, se ce ne fosse bisogno, la sua enorme classe. Veterani e promesse di Indy avranno invece l’occasione di mettere in mostra il proprio valore di fronte ad una platea molto più vasta del solito e chissà, magari aprirsi possibilità inaspettate per il futuro.

Non si vedono aspetti negativi quindi in questa entusiasmante avventura, a parte la mole già impressionante di autoproclamati esperti di motorsport che hanno cominciato la loro disinformata, quindi ignorante, opera di demolizione di gara e corse su ovali, rifacendosi come detto in apertura a preconcetti vecchi di almeno 40 anni e, probabilmente, falsi già in origine. Di certo a riguardo abbiamo solo il giudizio dei tanti piloti europei (di F.1 e non) che andando a correre aldilà dell’Atlantico hanno trovato (e raccontato) un livello di professionalità e agonismo che poco si rispecchiava nell’atteggiamento scettico al limite della derisione di tanti addetti ai lavori del Circus, alcuni dei quali non hanno mancato di dimostrare la propria ignoranza anche nelle ultime ore. È questo il piccolo prezzo per avere a Indianapolis forse il miglior pilota del mondo…prezzo che tutto sommato tutti noi appassionati veri delle corse USA paghiamo volentieri, nella speranza di una grande 500 miglia, al termine della quale forse anche gli scettici avranno maturato un po’ di rispetto e considerazione per una gara con 800 curve a sinistra e oltre 100 anni di storia.

 

Immagine di copertina: indycar.com

2017 – Long Beach

Toyota Grand Prix of Long Beach – 7-9 aprile 2017 – Seconda prova stagionale

Circuito: Streets of Long Beach, California

Tipologia: Cittadino

Lunghezza: 1.968 mi – 3.167 km

Configurazione aerodinamica: Stradale

Record della pista: 1.06.6294, Helio Castroneves, Dallara – Chevrolet, 2015

Distanza di gara: 85 giri – 167,28 mi

Vincitore uscente:  Simon Pagenaud

Dopo ben tre settimane di pausa arriva finalmente il secondo appuntamento della stagione IndyCar, che quest’anno va di scena nelle strade di Long Beach. La corsa californiana si è ormai da anni affermata come il secondo evento del calendario in termini di pubblico e prestigio, secondo solo alla Indy 500.

L’edizione di quest’anno si presenta ancora più interessante dopo la rocambolesca prova di apertura, che ha visto la Honda sovvertire lo svantaggio da tutti atteso alla vigilia, mettendo in campo di fatto le vetture più veloci in pista. Come St. Petersburg, anche Long Beach negli ultimi anni è stata feudo della Chevrolet, dominatrice delle ultime edizioni con i team Penske e Ganassi. Nonostante si tratti di piste completamente diverse, la Honda ha però confermato il proprio momento di forma anche nei recenti test di Sonoma, piazzando davanti a tutti il capo classifica Sebastien Bourdais. Sparito l’effetto sorpresa, l’impressionante schieramento di piloti in grado di primeggiare fa apparire una nuova vittoria del pacchetto giapponese altamente probabile.

Dopo i grossi problemi di durata e calibrazione riscontrati nella prova d’apertura, il pacchetto frenante PFC-Brembo sarà ancora tra gli osservati speciali, anche se dopo i test collettivi di Barber e le prove private in California l’allarme sembrerebbe rientrato.

 

Griglia di partenza – Long Beach
Pos. Pilota Tempo Pilota Tempo
1 Helio Castroneves 01:06.2254
2 Scott Dixon 01:06.4123
3 Ryan Hunter-Reay 01:06.4401
4 James Hinchcliffe 01:06.5291
5 Alexander Rossi 01:06.5595
6 Graham Rahal 01:06.7562
7 Charlie Kimball 01:06.5404
8 Josef Newgarden 01:06.6074
9 Will Power 01:06.6145
10 Marco Andretti 01:06.6222
11 Tony Kanaan 01:06.6262
12 Sebastien Bourdais 01:06.7853
13 Ed Jones 01:07.5832
14 Carlos Munoz 01:07.3783
15 JR Hildebrand 01:07.6931
16 Mikhail Aleshin 01:07.3893
17 Conor Daly 01:07.7977
18 Takuma Sato 01:07.4699
19 Spencer Pigot 01:07.8442
20 Max Chilton 01:07.5333
21 Simon Pagenaud 01:08.0439

Se a St. Petersburg un errore in qualifica aveva fatto pesare su Bourdais le aspettative di una bella rimonta dal fondo, in California il ruolo è passato a Pagenaud, che a differenza di tante altre volte, forse spererà in una bandiera gialla provvidenziale che possa scompaginare i piani dei primi. Uno scenario comunque improbabile a Long Beach, che ha visto una sola neutralizzazione nelle ultime due edizioni. A questo proposito la distanza di gara è stata allungata di 5 giri, nel tentativo di costringere i piloti a completare la corsa con tre soste, senza dover badare troppo ai consumi. Stando a quanto dichiarato in conferenza stampa però, senza una bandiera gialla a inizio gara ci sarebbe ancora la possibilità di arrivare in fondo con due soli pit stop.

Ciò che una bandiera gialla inopportuna aveva tolto a St.Pete, gli è stato in parte restituito da una bandiera gialla mancata a Long Beach. Potrebbe essere questo il breve riassunto dell’inizio stagione di James Hinchcliffe, che sulle strade della California è tornato al successo dopo due anni. Una vittoria speciale per il Sindaco, per due motivi: perché ottenuta nella seconda corsa più importante del calendario, il cittadino americano per antonomasia; perché si tratta del primo successo dopo il gravissimo incidente di Indy 2015, che va a cancellare ogni dubbio sul ritorno al massimo rendimento del pilota canadese.

Si diceva della bandiera gialla. Al via un problema elettronico ha visto Castroneves perdere subito 5 posizioni, lasciando il comando a Scott Dixon, prima che la corsa venisse interrotta da un evitabile contatto tra Kimball e Power, costato il ritiro all’americano e una corsa nelle retrovie al campione 2014. Dopo la ripartenza Dixon ha controllato per un po’ gli inseguitori, Hunter-Reay, autore di un bel sorpasso su Hinchcliffe, con Rahal e Rossi subito dietro. Mentre Pagenaud, risalito a suon di sorpassi fino ai margini della top ten, guidava al 11° giro la truppa dei ritardatari che puntavano su una strategia a 3 soste, davanti i piloti del gruppo di testa risparmiavano carburante, optando per i due pit stop. Questo fino al 14° giro, quando la vettura lenta di Marco Andretti, afflitto da problemi elettrici, ha tratto in inganno Mike Hull, che dopo la beffa di St.Pete ha richiamato in pit lane Dixon, portando anche la sua strategia sulle tre soste. La scelta si è però presto rivelata errata, perché Andretti è riuscito a parcheggiare la sua vettura in un posto sicuro, evitando la neutralizzazione della corsa. Il comando è quindi passato ad Hunter-Reay, che seguito come un’ombra di Hinchcliffe e Rossi ha proseguito sulla tattica delle due soste, fermandosi intorno al 30° giro.

Le diverse sequenze di rifornimento hanno quindi visto un’alternanza al comando tra Dixon e Hunter-Reay, con Hinchcliffe, Pagenaud, Newgarden, Castroneves e Rossi nel mix. Il passare dei giri ha però reso evidente come le due soste fossero la strategia vincente, restringendo il discorso vittoria al trio Hunter-Reay, Rossi e Hinchcliffe. Superato in pista dal californiano, il Sindaco è però riuscito a sopravanzare entrambe le vetture del team Andretti e prendere il comando durante i pit stop, effettuati dai tre tra il 57° e il 58° giro. Nei giri successivi il canadese ha poi visto sempre più grande negli specchietti la vettura di Rossi, che dopo aver superato alla grande Hunter-Reay è andato in caccia della testa della corsa fino al 62° giro, quando il motore Honda ha costretto l’americano a parcheggiare la vettura sulla Shoreline Drive, causando l’intervento della pace car. La pulizia della pista dalla gran mole di residui di gomma accumulatisi, ha protratto a lungo la neutralizzazione, dando l’occasione ai piloti di testa di risparmiare etanolo e affrontare gli ultimi giri senza badare troppo ai consumi. Alla ripartenza Hinchcliffe ha preso un po’ di margine, subendo però nel finale il ritorno di Hunter-Reay, che a 6 giri dal termine ha seguito il destino dei compagni di squadra (anche Sato si era ritirato per problemi di motore), ritirandosi per guai elettrici. Tra Hinchcliffe e la vittoria rimanevano quindi 4 giri di bandiera verde, in cui il canadese ha dovuto tenere a bada Bourdais. Dopo un pit stop a inizio gara per riparare i danni causati dai detriti dell’incidente Kimball-Power, il francese ha attuato la strategia dei primi, ritrovandosi davanti nel finale grazie ad un’abile opera di risparmio carburante. Il capo classifica negli ultimi giri non aveva però il ritmo per impensierire Hinchcliffe, andato a cogliere un successo meritato, seppur  favorito dalle sventure del team Andretti.

Bourdais ha comunque portato a casa un’eccellente seconda posizione davanti a Newgarden, come Dixon su tre soste e autore di una prova solida. Il nuovo acquisto del team Penske, al primo podio con il team del Capitano, ha preceduto proprio il neozelandese, in difficoltà nel terzo stint con gomme “rosse” e poco a suo agio nel traffico a causa di un’assetto aerodinamico piuttosto scarico. Il quattro volte campione, deluso per l’errore strategico nel cambio di strategia, ha comunque incassato punti preziosi in chiave titolo, precedendo Pagenaud, autore di una corsa intensissima che lo ha visto recuperare in pista numerose posizioni e superare anche una foratura per conquistare il quinto posto finale.

Ed Jones ha poi portato a casa un eccellente sesto posto, vincendo un duello infinito con l’altrettanto positivo Munoz. I due hanno approfittato nel finale di un problema al tornantino per Spencer Pigot, risalito fino al sesto posto grazie a una strategia simile a quella di Bourdais. Il californiano ha comunque terminato in una discreta ottava piazza davanti a Castroneves, i cui problemi elettronici sono continuati durante la corsa, costando al brasiliano una penalità per eccesso di velocità in pit lane. Inizialmente tra i protagonisti, una foratura ha costretto Graham Rahal al decimo posto dopo aver perso terreno a metà gara. Il pilota dell’Ohio ha in realtà beneficiato di un incidente all’ultimo giro che ha visto Hildebrand tamponare Aleshin in fondo alla Shoreline Drive. Il californiano ha riportato una frattura alla mano che lo costringerà a saltare la prossima gara al Barber Motorsports Park.

Long Beach – Ordine d’arrivo
Pos. Pilota Squadra Vettura N Sponsor Tempo
1 James Hinchcliffe (L) Schmidt Honda 5 Arrow Electronics 85 giri in 01:50:28.9818 – 90.845 mph
2 Sebastien Bourdais Coyne Honda 18 Sonny’s 1.494
3 Josef Newgarden Penske Chevrolet 2 Hum 2.316
4 Scott Dixon (L) (LL) Ganassi Honda 9 NTT Data 2.783
5 Simon Pagenaud Penske Chevrolet 1 Menard’s 3.393
6 Ed Jones Coyne Honda 19 Boy Scouts of America 5.795
7 Carlos Munoz Foyt Chevrolet 14 ABC Supply 6.393
8 Spencer Pigot Carpenter Chevrolet 20 Loki 9.057
9 Helio Castroneves (P) Penske Chevrolet 3 AAA 9.340
10 Graham Rahal Rahal Honda 15 Penngrade 17.863
11 JR Hildebrand Carpenter Chevrolet 21 Preferred 1 giro
12 Mikhail Aleshin Schmidt Honda 7 SMP 1 giro
13 Will Power Penske Chevrolet 12 Verizon 1 giro
14 Max Chilton Ganassi Honda 8 Gallagher 1 giro
15 Tony Kanaan Ganassi Honda 10 NTT Data 1 giro
16 Conor Daly Foyt Chevrolet 4 ABC Supply 1 giro
17 Ryan Hunter-Reay (L) Andretti Honda 28 DHL Elettronica
18 Takuma Sato Andretti Honda 26 Panasonic Elettronica
19 Alexander Rossi Andretti Honda 98 Napa Motore
20 Marco Andretti Andretti Honda 27 United Fiber & Data Elettronica
21 Charlie Kimball Ganassi Honda 1 Tresiba Incidente
P = Punto per la pole position;

L= Punto per aver condotto almeno un giro in testa;

LL= due punti per aver condotto il maggior numero di giri in testa

Giro più veloce: Helio Castroneves, 1.07.7696
Giri in testa
Scott Dixon 32
Ryan Hunter-Reay 28
James Hinchcliffe 25

 

La classifica dopo Long Beach
Pos. Pilota Punti
1 Sebastien Bourdais 93
2 James Hinchcliffe 74
3 Simon Pagenaud 71
4 Scott Dixon 70
5 Josef Newgarden 59
6 Helio Castroneves 51
7 Ed Jones 48
8 Ryan Hunter-Reay 46
9 Takuma Sato 43
10 Marco Andretti 36
11 JR Hildebrand 36
12 Carlos Munoz 35
13 Mikhail Aleshin 34
14 Spencer Pigot 34
15 Tony Kanaan 33
16 Graham Rahal 33
17 Alexander Rossi 30
18 Will Power 30
19 Max Chilton 30
20 Conor Daly 29
21 Charlie Kimball 21

Immagine di copertina: indycar.com

2017 – St. Petersburg

Firestone Grand Prix of St. Petersburg – 10-12 marzo 2017 – Prima prova della stagione 2017

Circuito: Streets of Saint Petersburg, Florida

Tipologia: Cittadino

Lunghezza: 1.8 mi – 2.896 km

Configurazione aerodinamica: Stradale

Record della pista: 1.00.066 – 2016– Will Power, Dallara – Chevrolet

Distanza di gara: 110 giri – 198 mi

Vincitore uscente:  Juan Pablo Montoya

 

Nonostante la pole mancata, il ritmo mostrato nelle prove sembrerebbe consegnare a Scott Dixon il ruolo di favorito, temperature dei freni permettendo. Alexander Rossi potrebbe essere la sorpresa della corsa, essendo risultato il più veloce con gomme dure mentre le sventure in qualifica di Pagenaud, Castroneves e Bourdais garantiranno spettacolo nelle prime fasi, nonostante la modifica della curva 3 abbia probabilmente ridotto le possibilità di sorpasso nella staccata della curva 4. Dopo due giornate di sole il meteo potrebbe comunque giocare un ruolo decisivo sullo svolgimento della gara, in quanto le previsioni indicano come probabile la pioggia per la giornata di domenica.

Griglia di Partenza
Pos. Pilota Tempo Pilota Tempo
1 Will Power 1.01.0640
2 Scott Dixon 1.01.2219
3 James Hinchcliffe 1.01.3039
4 Josef Newgarden 1.01.7229
5 Takuma Sato 1.01.9851
6 Tony Kanaan 1.02.0824
7 Max Chilton 1.01.3516
8 Alexander Rossi 1.01.5198
9 Charlie Kimball 1.01.6066
10 Graham Rahal 1.01.6168
11 Carlos Munoz 1.01.7399
12 Ryan Hunter-Reay 1.03.1588
13 Spencer Pigot 1.01.5898
14 Simon Pagenaud 1.01.6129
15 Marco Andretti 1.01.6070
16 Helio Castroneves 1.01.7159
17 Mikhail Aleshin 1.01.7674
18 Ed Jones 1.01.7598
19 JR Hildebrand 1.01.8465
20 Conor Daly 1.02.2030
21 Sebastien Bourdais senza tempo
I tempi riportati sono riferiti all’ultima sessione cui i piloti hanno partecipato. Per i piloti eliminati in Q1, le file sono formate dai piloti che hanno terminato nella stessa posizione nei due gruppi, con il posto più alto appannaggio dei piloti del gruppo 1.

 

I test di Sebring avevano dato delle speranze ma una vittoria Honda a St.Petersburg, feudo Chevrolet dal 2012, suonava quasi impossibile. Pensare poi che fra Ganassi, Andretti e Schmidt sarebbero stati proprio Bourdais e il pur rinnovato team Coyne a fare il colpaccio, sembrava pura fantascienza. E invece è andata proprio così, con il francese in victory lane, per di più dopo il disastro in qualifica e conseguente ultimo posto in griglia. La gara ha avuto il suo momento cruciale al giro 26, quando la direzione gara ha fatto uscire la pace car per ripulire i detriti di un contatto tra Kanaan e Aleshin. L’intento poteva essere giusto, ma il momento è stato totalmente sbagliato, perchè la neutralizzazione è arrivata nel bel mezzo di una finestra di rifornimento, con il gruppo di testa non ancora transitato in pit lane. Fino a quel momento la corsa, dopo un prevedibile incidente in curva 3 tra Rahal e Kimball che ha poi coinvolto anche Munoz, aveva vissuto sulla fuga solitaria di Hinchcliffe. Conquistato il comando con un’abile manovra all’esterno su Power, il canadese ha guidato largamente la corsa fino all’uscita della bandiera gialla, durante la quale ha poi effettuato la prima sosta insieme agli altri piloti di testa: Dixon, Sato, Newgarden, Pigot, Rossi, Kanaan e Chilton.

Non avendo alternative al fermarsi durante la neutralizzazione, il pacchetto di testa si è così ritrovato alle spalle di chi, come Pagenaud, Bourdais, Andretti, Jones e Castroneves tra gli altri, era stato meno efficace nel gestire il carburante. Fermatosi poco prima della bandiera gialla, questo gruppo ha invece ricevuto un regalo inaspettato e, a dirla tutta, immeritato dalla direzione gara, che avrebbe potuto attendere il completamento delle soste prima di avviare le operazioni di pulizia. Così non è stato e alla bandiera verde del 31° giro, mentre nel gruppo succedeva di tutto, Bourdais è andato all’attacco di Pagenaud assumendo il comando della gara. Senza ulteriori neutralizzazione e con gli altri favoriti invischiati nel traffico, la lotta per la vittoria si è ristretta ai due francesi, che hanno ingaggiato un duello a vista, basato in parte sulla velocità e in parte sui consumi.  Dopo l’ultima sosta il campione in carica ha cercato di mettere pressione al connazionale, che però si è dimostrato più efficace nei doppiaggi, potendo anche contare su consumi migliori. Il distacco tra i due non è mai sceso sotto i due secondi, permettendo a Bourdais di centrare un successo insperato e per questo ancora più bello.

Alle loro spalle si è avuta invece una certa alternanza. Inizialmente il terzo posto è stato occupato da un sorprendente Jones, che liberatosi di Marco Andretti ha occupato il gradino più basso del podio fino alla seconda sosta, che lo ha visto sparire dalle posizioni di vertice. Il suo posto è stato quindi rilevato da Takuma Sato, che dopo aver superato un Power in crisi coi consumi sembrava avere il podio in cassaforte, prima che un problema all’ultima sosta lo facesse retrocedere al quarto posto alle spalle di Dixon. Il neozelandese è stato il migliore del gruppetto penalizzato dalla seconda bandiera gialla. Sopravvissuto in ripartenza a un bloccaggio delle ruote posteriori e conseguente intervento dell’anti stallo, il 4 volte campione ha dato l’ennesima dimostrazione del gran potenziale mostrato in prova, issandosi dal 14° al 4° posto grazie a una buona combinazione di sorpassi e strategia, raggiungendo poi il terzo posto grazie ai problemi di Sato. Senza bandiere gialle però Dixon non ha potuto fare nulla per rientrare nel discorso vittoria, risultando staccato da Bourdais di oltre 25″ dopo l’ultima sosta.

Quarto ha concluso Hunter-Reay, protagonista di una domenica infernale. A muro nel warm up per un guasto ai freni, un problema elettronico ha costretto l’americano a precipitarsi in pit lane prima della bandiera verde, salvandosi per pochi secondi dal doppiaggio grazie all’incidente tra Rahal e Kimball. Dopo di che è iniziata un’infinita rincorsa a ritmo da qualifica, che dopo l’ultima sosta ha visto il campione 2012 emergere davanti a Hinchcliffe, Newgarden e Castroneves, con cui ha lottato per buona parte della corsa, per poi riuscire a soffiare il quarto posto a Sato all’ultimo giro.

Anch’essi aiutati dalla bandiera gialla del 26° giro, Castroneves e Andretti hanno chiuso rispettivamente al sesto e settimo posto. Se il brasiliano, protagonista di una prova solida ma senza acuti, ha completato l’ultimo tratto di corsa in solitario, Andretti ha dovuto difendersi da Newgarden, penalizzato dalla strategia ma meno efficace di Dixon e Hunter-Reay nel recupero. Discorso estendibile a Hinchcliffe, che dopo essersi preso con la forza il primo posto e aver comandato d’autorità le prime fasi, non è riuscito a venire fuori dal gruppo, rimanendo anche staccato dopo l’ultima sosta. La top ten è stata chiusa da un positivo Ed Jones, a lungo tra i primi cinque ma inghiottito nel gruppo dopo l’ultima sosta. Una problema a una gomma ha impedito a un veloce Alexander Rossi di continuare la sua infinita battaglia con Hinchcliffe e Newgarden, relegandolo all’11° posto davanti a Kanaan, la cui corsa è stata segnata dall’evitabile contatto con Aleshin che ha causato la famigerata neutralizzazione del 26° giro. In difficoltà con i freni, il brasiliano ha chiuso davanti a Hildebrand e Aleshin, impalpabili per tutto il fine settimana. Dopo aver brevemente lottato in mezzo al gruppo Conor Daly si è presto ritrovato staccato di un giro come Max Chilton, che ha navigato in top ten nelle prime fasi.

Will Power è stato classificato come il primo dei ritirati. Una corsa complicata per il campione 2014, subito passato da Hinchcliffe e afflitto da problemi al motore. Autore di una prima sosta molto anticipata, le cose sono peggiorate quando un errore dei meccanici ha costretto l’australiano a passare sulla pistola del cambio gomma, infrazione che gli è costata una penalità. La bandiera gialla del 26° giro ha graziato Power, rimettendolo in corsa, ma la diversa sequenza di rifornimenti lo ha poi costretto a un continuo gioco al risparmio che lo ha lentamente fatto scivolare fuori dalla zona podio. La sua corsa è poi finita quando i problemi al propulsore hanno ridotto le prestazioni della vettura a tal punto da costringere la direzione gara a “parcheggiare” la Dallara #12.

La delusione più grande della gara è venuta forse dal ritiro di Spencer Pigot. Dopo essere salito al 10° posto in seguito all’incidente del primo giro, il campione IndyLights 2015 ha inanellato una strepitosa sequenza di sorpassi, che lo ha visto raggiungere la quinta piazza dopo aver infilato Pagenaud, Chilton, Kanaan e Rossi. La sua corsa è però finita con l’esplosione del disco freno posteriore sinistro, proprio mentre il californiano si apprestava a effettuare la prima sosta.

Il ritiro di Pigot e i problemi denunciati da Kanaan sono stati apparentemente gli effetti più gravi della complicata situazione dell’impianto frenante misto Brembo-PFC, che sulle strade di St. Petersburg oltre ad aver confermato i problemi di surriscaldamento già sperimentati nei test di Sebring, ha evidenziato un comportamento inconsistente. Questo ha di fatto obbligato diversi piloti a sacrificare almeno la prima giornata di prove per adattarsi al comportamento particolare del nuovo sistema, che ha probabilmente condizionato il rendimento, tra gli altri, di Daly e Aleshin, mai della partita. I test previsti sullo stradale di Barber tra dieci giorni dovrebbero permettere a squadre e fornitori di risolvere i problemi di raffreddamento, con la speranza che tutti i piloti possano mostrare il loro pieno potenziale nel prossimo appuntamento di Long Beach, tra due settimane.

St. Petersburg – 12/03/2017 – Ordine d’arrivo
Pos. Pilota Squadra Vettura N Sponsor Tempo
1 Sebastien Bourdais (LL) (L) Coyne Honda 18 Sonny’s 110 giri in 02:04:32.4153 – 95.391 mph
2 Simon Pagenaud (L) Penske Chevrolet 1 PPG 10.351
3 Scott Dixon Ganassi Honda 9 General Electric 27.499
4 Ryan Hunter-Reay Andretti Honda 28 DHL 36.115
5 Takuma Sato (L) Andretti Honda 26 Panasonic 36.168
6 Helio Castroneves Penske Chevrolet 3 Hitachi 42.029
7 Marco Andretti Andretti Honda 27 hhgregg 49.522
8 Josef Newgarden Penske Chevrolet 2 Verizon 50.044
9 James Hinchcliffe (L) Schmidt Honda 5 Arrow Electronics 58.863
10 Ed Jones Coyne Honda 19 Boy Scouts of America 1.01.861
11 Alexander Rossi Andretti Honda 98 Napa 1 giro
12 Tony Kanaan Ganassi Honda 10 NTT Data 1 giro
13 JR Hildebrand Carpenter Chevrolet 21 Fuzzy Vodka 1 giro
14 Mikhail Aleshin Schmidt Honda 7 SMP 1 giro
15 Conor Daly Foyt Chevrolet 4 ABC Supply 1 giro
16 Max Chilton Ganassi Honda 8 Gallagher 1 giro
17 Graham Rahal Rahal Honda 15 Stake n’ Shake 2 giri
18 Charlie Kimball Ganassi Honda 83 Tresiba 3 giri
19 Will Power (P) (L) Penske Chevrolet 12 Verizon Mechanical
20 Spencer Pigot Carpenter Chevrolet 20 Fuzzy Vodka disco freno
21 Carlos Munoz Foyt Chevrolet 14 ABC Supply Mechanical
P = Punto per la pole position;

L= Punto per aver condotto almeno un giro in testa;

LL= due punti per aver condotto il maggior numero di giri in testa

Giro più veloce: Scott Dixon, 1.02.0786
Giri in testa
Sebastien Bourdais 69
James Hinchcliffe 21
Simon Pagenaud 13
Will Power 5
Takuma Sato 2

 

Classifica dopo St. Petersburg
Pos. Pilota Punti
1 Sebastien Bourdais 53
2 Simon Pagenaud 41
3 Scott Dixon 35
4 Ryan Hunter-Reay 32
5 Takuma Sato 31
6 Helio Castroneves 28
7 Marco Andretti 26
8 Josef Newgarden 24
9 James Hinchcliffe 23
10 Ed Jones 20
11 Alexander Rossi 19
12 Tony Kanaan 18
13 JR Hildebrand 17
14 Mikhail Aleshin 16
15 Conor Daly 15
16 Max Chilton 14
17 Graham Rahal 13
18 Charlie Kimball 12
19 Will Power 13
20 Spencer Pigot 10
21 Carlos Munoz 9

 

Immagine di copertina: indycar.com; Joe Skibinski

Scroll Up